Home > COMUNICATI STAMPA > Giuseppe Vancini, segretario generale Confartigianato Ferrara, interviene su annuncio provvedimenti Premier Renzi

Giuseppe Vancini, segretario generale Confartigianato Ferrara, interviene su annuncio provvedimenti Premier Renzi

Tempo di lettura: 3 minuti

da: Ufficio Stampa&Comunicazione di Camilla Ghedini

I provvedimenti che il Premier Renzi ha affermato di voler portar avanti, riguarderebbero: prima casa, Imu agricola e macchinari. Vancini rileva gli aspetti, anche positivi, ad esempio per l’edilizia. Ma sottolinea la mancanza di attenzione per i ‘capannoni’, che costituiscono gran parte dell’attività produttiva del Paese e del territorio ferrarese.

I provvedimenti annunciati dal premier Matteo Renzi sono certamente positivi, speriamo tuttavia non siano solo un escamotage di mezza estate per ridare ossigeno a un’Italia piegata dal caldo e dalla paura per le vicende greche. Renzi parla di eliminazione sia della Tasi sulla prima casa, sia dell’Imu agricola e sugli imbullonati, ossia sui macchinari ‘a terra’. Dimenticando, purtroppo, quella sui capannoni, su cui gli introiti per lo Stato – ossia le spese per gli imprenditori – , sono molto alti. Perché se per l’abitazione si tratta di qualche centinaia di euro all’anno, per le aziende si tratta di qualche migliaio di euro, che spesso vengono sottratti a investimenti e alla tanto reclamata innovazione. Volendo comunque credere a Renzi, l’operazione Tasi potrebbe rilanciare l’edilizia, dalle costruzioni all’impiantistica. E anche il territorio ferrarese ne trarrebbe beneficio, perché la desolazione e il depauperamento, che sfiora il degrado, è sotto gli occhi di tutti. Stesso discorso per l’eliminazione dell’Imu agricola e sugli imbullonati, soprattutto perché tassare ciò che serve per lavorare è di per sé una contraddizione. Eppure le perplessità sono molte. Tanto per cominciare i provvedimenti sarebbero attuati nel triennio 2016-2018. Il che in una ottica di programmazione e non dunque solo di tamponamento dell’emergenza, sarebbe un passo in avanti. Quel che non è chiaro però è dove Renzi reperirà le risorse per concretizzare quanto promesso. E’ infatti palese che il ricorso alla spending review sarebbe insufficiente. In questi anni, in cui la si è invocata e attuata a piene mani, è aumentata sia la spesa pubblica che la tassazione. E questo è avvenuto anche nell’era Renzi. Il timore che il tutto si riversi sui Comuni, già in grande difficoltà, è reale. Meglio sarebbe uno sguardo, questa volta, alle spese regionali. Ancora, nella recente legge delega sul Fisco è stato stralciato tutto ciò che riguarda l’artigianato, nonostante in Italia – e la nostra provincia ne è esempio – sia il modello produttivo prevalente. Il che fa pensare che alle piccole e medie imprese il Governo continui a non riconoscere il giusto peso, con scarsa aderenza alla realtà. Noi, come Confartigianato, staremo a guardare, anche con fiducia, chiedendo però a Renzi di ricordare che in Italia esistono pure i capannoni. E magari, intanto che stende il programma 2016-2018, potrebbe inserirli alla voce ‘eliminazione Imu’.

Giuseppe Vancini, Segretario Generale Confartigianato Ferrara.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi