29 Maggio 2015

Giuseppe Verdi, Riccardo Muti e Falstaff: l’Emilia-Romagna della cultura per Expo

REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Tempo di lettura: 6 minuti

Riccardo Muti

da: ufficio stampa giunta regionale Emilia-Romagna

Giuseppe Verdi, Riccardo Muti e il Falstaff al teatro Alighieri per Ravenna Festival: sarà questo appuntamento che annuncia la presenza dell’Emilia-Romagna all’Expo di Milano.
Si tratta dell’unica opera che il Maestro Muti dirigerà quest’anno in Italia, la punta di diamante dell’offerta culturale che la Regione propone, nel proprio territorio, per il pubblico internazionale della rassegna milanese.
Il capolavoro, che chiude l’intera parabola creativa di Verdi, sarà presentato (tre recite al Teatro Alighieri 23, 25 e 26 luglio) nell’allestimento ideato da Cristina Mazzavillani che ambienta l’opera nei luoghi verdiani: la casa natale delle Roncole, il teatro di Busseto, villa Sant’Agata con la sua facciata ‘giallo Parma’ ed il suo grande parco.
Sul podio, a dirigere l’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini, ci sarà il suo fondatore Riccardo Muti.
L’iniziativa realizzata dal Ravenna Festival, con il sostegno della Regione Emilia-Romagna, è stata presentata questa mattina nella sede della Regione dal presidente Stefano Bonaccini e dagli assessori Massimo Mezzetti e Andrea Corsini alla presenza del Maestro Riccardo Muti.

Il presidente Stefano Bonaccini ha sottolineato il forte investimento della Regione nel settore culturale (10 milioni in più quest’anno rispetto all’anno passato) e l’intenzione di triplicare le risorse nell’ambito della legislatura, con l’obiettivo di investire nella conoscenza, nei saperi, nelle arti, dalla musica, al teatro e al cinema, fino ad arrivare al turismo culturale, con l’auspicio che questo possa portare alla creazione di nuovi posti di lavoro”.
“L’orchestra Cherubini – ha detto – è un’esperienza straordinaria, che riguarda i giovani, e che sarà valorizzata dalla Regione.”
“Volevamo dare un segno ad Expo, non solo in merito alle nostre eccellenze in ambito produttivo, ma anche in ambito culturale – ha precisato il Presidente – e questo Falstaff, realizzato da giovani musicisti e diretto dal Maestro Muti, ne è la migliore testimonianza”.
Il Presidente, ha ringraziato Muti per “ciò che ha fatto, sta facendo e farà per le nuove generazioni” e ricordando il terremoto che ha colpito l’Emilia il 29 maggio di tre anni fa, ha espresso riconoscenza per il concerto che allora Maestro realizzò a Mirandola, auspicando che possa unirsi alla Regione nella commemorazione per il prossimo anno. Il presidente Bonaccini ha infine consegnato al Maestro Muti una targa di ringraziamento.

Il Maestro Muti è rimasto molto colpito dall’aumento degli investimenti in ambito culturale da parte della Regione. “Di fronte a un dibattito culturale al centro di speranze in gran parte disattese – ha detto – questo fa ben sperare per il futuro dei nostri giovani”.
Il Maestro ha presentato L’Italian Opera Accademy, un’Accademia per insegnare a giovani direttori d’orchestra, collaboratori pianistici e giovani cantanti. Suo obiettivo è quello di “dare ‘nobiltà’ al repertorio italiano operistico, troppo spesso bistrattato nelle varie interpretazioni nel mondo, “mentre è necessario l’ascolto consapevole e il rispetto che meritano”.
”In particolare Verdi – ha aggiunto – merita un’esecuzione più fedele nel rispetto delle partiture e del rapporto tra parola e musica”. Dalle Masterclass dell’Accademia, aperte al pubblico, verrà realizzato un programma interamente incetrato su Falstaff. “Un’opera fondamentale e complessa – ha riferito Muti – che presenta tutta la ricchezza di Verdi e l’esperienza di una vita in tutte le sue fasi”.

“Questo Falstaff – ha sottolineato l’assessore alla cultura Massimo Mezzetti – giunge a conclusione di un percorso di commemorazioni per i 200 anni verdiani, con l’opera più significativa e anche più giusta per l’occasione, visto che l’allestimento evoca i luoghi della vita di Verdi”. “La scelta dell’Emilia-Romagna – ha aggiunto Mezzetti – è quella di coniugare tradizione e cultura viva, attraverso le figure di Giuseppe Verdi e Riccardo Muti – il maggior compositore al mondo e il suo maggiore interprete – nell’ambito di un Festival tra i più significativi a livello italiano”.
L’assessore ha inoltre sottolineato che la Regione intende sostenere la Cherubini, che collega tra l’altro in un filo ideale da Piacenza a Ravenna i teatri di tradizione, con risorse in ambito formativo e culturale”.

“Il binomio tra turismo e cultura – ha detto l’assessore regionale al turismo Andrea Corsini – è alla base di un nuovo progetto regionale che qui si esprime attraverso “Via Emilia”, che riunisce offerte turistiche ensate e realizzate appositamente per l’Expo 2015 e che spaziano dalla Riviera romagnola all’Appennino, passando per le città d’arte, unendo la buona tavola, la passione per i motori, l’arte e i monumenti Unesco, la natura, il wellness e il divertimento”. “L’elemento cultura – ha sottolineato l’Assessore – può essere infatti determinante per moltiplicare le presenze del settore turistico, che ha l’obiettivo di superare l’attuale 10% del Pil regionale”.
“L’APT – ha concluso l’Assessore – sta quindi valorizzando le città d’arte e grandi eventi, come il Falstaff , costruendo pacchetti turistici che portino i visitatori dell’Expo a conoscere anche l’Emilia-Romagna.

Le proposte turistiche dal Falstaff all’Expo

Il Falstaff diretto da Riccardo Muti al Ravenna Festival è anche il cuore delle proposte di soggiorno mirate al turismo culturale in regione realizzate da Apt Servizi, con il sostegno dell’Unione di prodotto Città d’Arte, Cultura e Affari, in occasione di EXPO 2015.
Una quota significativa dei biglietti per le tre recite sono stati infatti riservati in via esclusiva perl’inserimento in pacchetti turistici, all’interno di un percorso verdiano che da Milano, con visite a Busseto e Villanova d’Arda, porterà il pubblico di Expo a Ravenna per assistere all’opera.
Ravenna e il Falstaff sono stati scelti come meta anche da numerosi visitatori dell’Expo che hanno scelto di crearsi, con acquisto biglietti on line, un proprio percorso di visita in Italia e in particolare in Emilia-Romagna, turisti culturali provenienti tra gli altri da: Stati Uniti, Germania, Francia, Austria, Gran Bretagna, Svizzera, Spagna, Russia, Lettonia, Corea, Giappone. Le vendite sono ancora in corso, con i canali Internet ed al botteghino del Teatro Alighieri.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

Ti potrebbe interessare:

  • INTERNAZIONALE 2022
    Città Visibili e Città Ideali… tutte da costruire

  • Primi scatti da Internazionale Ferrara

  • Save The Park: oggi, alle 16,30 il flash mob al Parco Urbano Bassani
    (Lettera ad un sindaco duro d’orecchi)

  • terra ambiente economia sostenibile generazioni

    PRESTO DI MATTINA /
    Non è una utopia

  • RICERCA E SOLIDARIETÀ
    Nistagmo, questo sconosciuto

  • ELEZIONI: “Si respira aceto”
    e a seguire: “Il lavoro da morire”

  • Parole a capo
    Roberta Lipparini: “Nei titoli di coda”. Parole in libertà ma senza debordare troppo…

  • the end, fine, capolinea

    ELEZIONI: IL PD A FINE CORSA?
    Non basta un congresso e un nuovo segretario, dovrà cambiare un’intera strategia politica

  • DONNA, VITA, LIBERTÀ
    Può succedere a Ferrara…

  • Parole e figure /
    La signora Bigodino, la la la la la

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi