Home > IL QUOTIDIANO > INSOLITE NOTE
Gli Azimut: la musica come forma di “Resistenza”

INSOLITE NOTE
Gli Azimut: la musica come forma di “Resistenza”

Gli Azimut debuttano con “Resistenza”, il loro primo ep. Il titolo non vuole evocare la politica del passato o attuale, Quella degli Azimut è una resistenza interiore e individuale: uno sguardo sulla psiche dell’uomo osservata e tratteggiata in diversi modi.
Il gruppo si è formato nel 2014 grazie all’incontro tra il cantante e chitarrista Enrico Ferreri, il bassista Edoardo Sacchi, il chitarrista Michele Palmieri e il batterista Cristhian Ferrini. La loro musica è di matrice indie-rock con inevitabili contaminazioni pop, addolcite da melodie quasi elastiche. I testi adottano una tecnica di sintesi sottrattiva, un illusorio ermetismo da compensare con la sensibilità di chi li ascolta.

La copertina di Resistenza

La copertina di Resistenza

I cinque brani del disco tracciano un percorso introspettivo seguendo i testi di Ferreri, autore anche delle musiche con Palmieri. Le dinamiche del viaggio passano attraverso “Abbraccio vago”, il brano raccontato dal video di Lorenzo Debernardi, con la rappresentazione dei sette peccati capitali. La canzone invita ad andare oltre le apparenze, a non nascondersi dietro a una maschera o a un velo, sorretta da chitarre a 1000 volt!
“Sala d’attesa” è un gioco di parole che racconta la fine di un amore, cercando di dimenticare e perdonare errori e bugie. Le parole si perdono tra i suoni in movimento e la voce moderna e pressante di Enrico Ferreri.
“Questa canzone non ha niente da dire, ma urlare forte mi farà sentire”, recita il testo di “Medico”, che invita a mostrare i propri punti deboli medicandosi i dolori. Ritmo quasi monocorde, efficace nelle varianti, da seguire lasciandosi andare senza freni.
“Piccola Pausa” è un punto di riflessione necessario per far bollire l’agitazione, dilatando le vene, allo stesso modo di un fermo immagine, nel momento in cui la spinta del salto si è esaurita e non è ancora iniziata la discesa: “Il gesto è sempre lo stesso, la gravità, no, non ti avrà…”.

Gli Azimut

Gli Azimut

Il rock degli Azimut è orecchiabile e privo di inutili fronzoli, spinto dalla base ritmica di basso e batteria. Nelle loro canzoni il testo ha una parte di rilievo, una visione del mondo e dell’uomo per nulla scontata, con citazioni complicate ma rese semplici dalle sottotracce che devono essere individuate. Il brano “Resistenza” riassume questi concetti, in una contrapposizione di ruoli che cerca di comprendere diverse prospettive. La loro è quella di “resistere” e di fare musica!

Guarda il video ufficiale di “Abbraccio vago”

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Grazie per la compagnia
Il cuore dov’è
Situazionismo 2019: Dionisindaco vs *pollineo
Aspettando la notte

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi