Tempo di lettura: < 1 minuto

Mondo surreale generato dal suo estro creativo, l’opera di Salvador Dalì è un continuo gioco di opposti.
Questo carattere emblematico emerge con forza nella rappresentazione che l’artista fa di un animale come l’elefante. Il suo corpo pesante è in forte contrasto con la fragilità delle lunghe zampe che l’artista gli attribuisce.
Il contrasto si erge sui concetti di robustezza e fragilità e da ciò si genera l’idea di una pesantezza quasi inesistente poiché sorretta da una sottile struttura.
L’Elefante Spaziale si muove leggiadro nel mondo magico dell’artista fino a giungere, nella sua rappresentazione scultorea, in piazza Vittorio Veneto a Matera, dove è possibile ammirarlo nella mostra che sarà aperta al pubblico fino al 30 novembre.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Moni Ovadia, perché Ferrara?
SCHEI
L’oro di Diego
La bellezza dell’autunno…
MICROFESTIVAL DELLE STORIE
Lo scrittore ferrarese Lorenzo Mazzoni dialoga con Consuelo Pavani su ‘Nero ferrarese’

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi