COMUNICATI STAMPA
Home > IMMAGINARIO - La foto della settimana > Gli oscuri misteri di Ferrara: Marfisa D’Este

Gli oscuri misteri di Ferrara: Marfisa D’Este

Spesso mi trovo a passeggiare davanti alla facciata della palazzina di Marfisa D’Este in Corso della Giovecca.
Lo faccio in compagnia del mio cane Kikko che non manca di bagnarne le pietre in basso con la pipì. Non posso farci nulla, di certo non posso tappargli il pistolino e impedirgli di zampillare. Lo dissi scherzosamente a una passante che, all’ennesima innaffiata di Kikko, mi aveva fulminato con uno sguardo di disapprovazione. La signora non gradì neppure la battuta ed io me ne feci una ragione.
Comunque sia, dicevo della palazzina di Marfisa…
Gran bell’edificio! Basso ma dall’aria imponente. Di fattura manierista, con una serie di ampi finestroni e un robusto portale marmoreo. Nasconde dietro di sé un ampio giardino con un elegante loggiato in origine destinato ai sollazzi estivi dei nobili estensi e dei loro ospiti. Adesso, adiacente a quel giardino, si trova un circolo tennistico, il più esclusivo della città, roba per gente danarosa.
Ma la cosa che mi ha colpito di più di questo luogo è la storia della sua proprietaria: Marfisa appunto. Una donna, come raccontano le cronache dell’epoca, tanto bella e seducente quanto fredda e crudele. Si narra che ebbe parecchi amanti, molti dei quali scomparvero nel nulla. Si dice che la diabolica nobildonna li abbia fatti fuori nei modi più disparati, una vera e propria serial killer. Degna erede di sua nonna Lucrezia Borgia!
Tuttavia, chi ha masticato un po’ di storia estense sa che gran parte di queste dicerie appartengono alla leggenda, a voci prive di fondamento. In realtà, Marfisa pare che fosse donna morigerata, devota alla famiglia e rispettosa del suo ruolo di madre e di moglie.
Ciò non toglie che, di notte, il suo fantasma si aggiri ancora nelle sale affrescate del palazzo e pure tra le siepi del giardino rinascimentale. Basta fermarsi alle tre di notte, come ho fatto io proprio davanti al cancello chiuso affacciato a Corso della Giovecca, e aspettare.
Con un po’ di pazienza si può veder apparire dalle tenebre in fondo al loggiato una dama fiocamente illuminata da un’aura evanescente. La principessa indugia tra le ombre delle piante, passa dietro la fontana col putto di bronzo, poi scompare nel nulla lasciando sgomenti coloro che l’hanno vista.
Attenzione però, non fatevi scorgere dallo spettro. Esiste la concreta possibilità che vi segua fino a casa regalandovi delle notti insonni per parecchio tempo!

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Unife, il professor Picci sul caso Zauli: “C’è un mistero da risolvere”
Al via il Festival dei Diritti di Ferrara con la conferenza-spettacolo di Annalisa Vandelli
Uno sguardo letterario sul cinema: a ricordo di Guido Fink
DIARIO IN PUBBLICO
Al L(a)ido degli Estensi: bagni di massa o radical-chic?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi