Home > COMUNICATI STAMPA > Gypsy guitar 2019

Da: Wunderkammer

GYPSY GUITAR 2019
OMAGGIO A DJANGO REINHARDT
SULLA DARSENA DI FERRARA

VENERDÌ 21 GIUGNO DALLE ORE 19

Piazzale davanti a Palazzo Savonuzzi
via Darsena 57 a Ferrara

GYpsy Guitar – Venerdì 21 giugno negli spazi esterni di Palazzo Savonuzzi (Wunderkammer, via Darsena 57) nel consueto orario da aperitivo alle 19, torna ‘GYPSY GUITAR, la chitarra di Mario Maccaferri nel Jazz Manouche di Django Reinhardt’. L’appuntamento, che quest’anno si avvale della direzione artistica di Giovanni Intelisano e Roberto Formignani, è nato nel 2017 per rendere omaggio a Mario Maccaferri (1900-1993), personaggio eclettico originario di Cento e inventore, in collaborazione con la ditta parigina Selmer, di un modello di chitarra conosciuto dalla gran parte dei chitarristi nel mondo. Fu il jazzista Django Reinhardt, musicista e compositore gitano manouche, che scegliendo la chitarra Selmer-Maccaferri per le proprie esecuzioni concertistiche, la consacrò già negli anni’ 30 a icona della musica manouche. Molte sono le manifestazioni dedicate alla musica Gypsy in diverse città europee. Come nella cittadina francese Samois sur Seine viene organizzato ogni anno un festival per ricordare Reinhardt, così Gypsy Guitar intende ricordare a Ferrara il costruttore della chitarra che ha dato voce al suono di Django. Venerdì 21 giugno si esibirà l’ensemble ACCORDI & DISACCORDI con Dario Berlucchi alla chitarra ritmica, Alessandro Di Virgilio alla chitarra solista, ed Elia Lasorsa al contrabbasso. Dalle 17 alle 24 nella sala Wunderkammer (al piano terra di Palazzo Savonuzzi) si terrà la mostra di chitarre Gypsy, mentre nell’aula magna ‘Stefano Tassinari’ di Palazzo Savonuzzi ci sarà la proiezione -in lingua originale con sottotitoli- del film Django, prodotto nel 2017 e dedicato alla storia di Django Reinhardt.

I Saggi della Scuola di Musica Moderna – Lunedì 10, martedì 11 e mercoledì 12 giugno su un palco che si affaccia sul fiume si avvicenderanno gli allievi della Scuola di Musica Moderna organizzati in 70 diverse formazioni in grado di spaziare dal trio rock, all’ensemble jazzistico, fino al gruppo corale. Ulteriori esibizioni si svolgeranno nell’aula magna ‘Stefano Tassinari’ di Palazzo Savonuzzi e vedranno la partecipazione degli studenti in formazione acustica.

Viviana Corrieri Quintet – Giovedì 13 giugno alle 19 a Un fiume di Musica 2019 arriva il quintetto pop-fusion che porta sulla darsena i classici di Stevie Wonder, Elthon John, Mariah Carey, Oleta Adams, Elisa, John Legend, Aretha Franklin e Van Morrison, riarrangiati in chiave acusitca. Il gruppo è compost da Viviana Corrieri alla voce, Julie Shaperd alla viola, Lorenzo Pieragnoli alla chitarra e Massimo Mantovani al pianoforte,

Musica, cibo, socialità. Anche nel 2019 la musica torna a scorrere lungo il fiume Volano di Ferrara, con la quarta edizione di Un Fiume di Musica e con un programma ricco di buona musica e ricette prelibate. Dal 16 maggio al 15 agosto, il tratto di darsena di fronte Palazzo Savonuzzi in via Darsena, 57 si trasforma in una vivace piazza sul fiume grazie agli aperitivi musicali e i saggi organizzati dalla Scuola di Musica Moderna-AMF.

***

Filo rosso del progetto saranno gli appuntamenti settimanali del giovedì sera in darsena, dove si potrà ascoltare la musica suonata dal vivo dagli insegnanti della Scuola di Musica Moderna. Diversi repertori e differenti sonorità si avvicenderanno una settimana dopo l’altra, sempre affiancati da una ricca offerta enogastronomica. Il ristorante La Romantica (via Ripagrande 36 Ferrara) e Da Maria pasta fresca (via Ripagrande 138 Ferrara) prepareranno ogni settimana un menu diverso, spaziando dalle ricette tradizionali ai piatti vegetariani e vegani, alla cucina più sperimentale.
Un Fiume di Musica è un progetto curato dall’ AMF – Scuola di musica moderna di Ferrara, in collaborazione con il Consorzio Wunderkammer (di cui l’AMF fa parte), con il patrocinio del Comune di Ferrara e la partecipazione di Nena battello fluviale. Il progetto Un Fiume di Musica è la colonna portante di Smart Dock, un più ampio e corale percorso di rigenerazione urbana della darsena, ideato e coordinato dall’APS Basso Profilo dal 2015. La creazione di un giardino di alberi da frutta per la darsena ha avviato il progetto nella primavera di quattro anni fa. Un’azione concreta che ha trasformato in maniera sensibile l’aspetto di questo tratto di darsena per lungo tempo trascurato. Oltre a proporre buona musica e aperitivi da gustare in compagnia, Un Fiume di Musica è anche un invito a riscoprire e riconquistare il fiume, un appello rivolto alla città e in modo particolare a chi abita il quartiere Darsena-Giardino.

Da: Wunderkammer

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi