Home > ACCORDI - il brano della settimana > Happy B-Day, Toxic Twin
Tempo di lettura: 3 minuti

Oggi scappo dalle notizie perchè l’unica notizia che mi ha evitato gli sbadigli è il concerto gratuito degli Stones a Cuba.
Ma con Cuba direi che abbiamo già dato ieri.
E oggi è il compleanno di un personaggio a cui devo molto da quando avevo 12 anni: Steve “guarda-come-mi-sta-in-bocca-un’armonica-intera” Tyler.

Brano: “Spaced” degli Aerosmith

Brano: “Spaced” degli Aerosmith

Putroppo, ormai, quest’uomo viene liquidato troppo spesso con una faciloneria che mi infastidisce moltissimo.
Troppo spesso, quando mi tocca parlare del mio amore per gli Aerosmith, si arriva a queste due parole: “quei tamarri”.
Ma chi ha un paio di orecchie e un po’ di sano buongusto misto a della sana cazzonaggine sa bene che non è così.
I primi dischi degli Aerosmith restano oggettivamente dei capolavori di rock’n’roll scritto, suonato, arrangiato e prodotto in modo superbo.
Roba che a mio avviso è invecchiata molto meglio di tante altre band dell’epoca tuttora ben più celebrate.
E qui mi fermo per non fare dei morti.
Perchè gli Aerosmith di quel primo periodo della “formazione classica” (’73/’78) erano un gruppo che non sbrodolava mai.
Ed erano davvero un’eccezione, nel loro campo.
I motivi di questa sorprendente sobrietà sono tanti.
Gli Aerosmith hanno sempre avuto un senso melodico sopra la media, un senso melodico figlio al 100% della British Invasion e soprattutto dei Beatles.
E qui ci allacciamo direttamente al “sesto Aerosmith”: Jack Douglas.
Quel tipo che poi lavorò con John Lennon e con Patti Smith.
Un produttore davvero geniale e sobrissimo.
Un produttore con cui quei 5 ceffi di Boston non hanno mai scazzato un disco.
E occhio che queste cose non le dico solo io ma le dicono anche songwriter 10+ come Kurt Cobain e Kim Deal.
E se un gruppo “rispettabile” come i R.E.M. piazza una grandissima cover di “Toys In The Attic” in un disco zeppo di cover degli altrettanto “rispettabili” Velvet Underground, devo aggiungere altro?
No.
Quindi auguroni a quella boccaccia e via con un pezzo sottovalutatissimo.

Ogni giorno un brano intonato alla cronaca selezionato e commentato dalla redazione di Radio Strike.

 

Radio Strike è un progetto per una radio web libera, aperta ed autogestita che dia voce a chi ne ha meno. La web radio, nel nostro mondo sempre più mediatizzato, diventa uno strumento di grande potenza espressiva, raggiungendo immediatamente chiunque abbia una connessione internet.
Un ulteriore punto di forza, forse meno evidente ma non meno importante, è la capacità di far convergere e partecipare ad un progetto le eterogenee singolarità che compongono il tessuto cittadino di Ferrara: lavoratori e precari, studenti universitari e medi, migranti, potranno trovare nella radio uno spazio vivo dove portare le proprie istanze e farsi contaminare da quelle degli altri. Non un contenitore da riempire, ma uno spazio sociale che prende vita a partire dalle energie che si autorganizzano attorno ad esso.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi