Home > DIALOGHI DELLA VAGINA / RUBRICA > I DIALOGHI DELLA VAGINA
A DUE PIAZZE – Mnemosine e Lete

I DIALOGHI DELLA VAGINA
A DUE PIAZZE – Mnemosine e Lete

La dannazione di ricordare sempre tutto: Riccarda e l’amico Nickname discutono su chi, nella coppia, abbia la capacità di afferrare e chi rivendica il diritto all’oblio.

N: A cena un giovane amico coraggioso mi confessa che sta per sposare la sua morosa. “Che lavoro fa?” chiedo. “La psicologa. Discutiamo spesso. Lei scende sempre in profondità, e poi non dimentica. Non dimentica mai nulla. Ricorda tutto”. Coraggioso davvero, ai limiti dell’incoscienza. “Però se la sposi vuol dire che funziona, no? Come fai?” “Le dico che deve essere leggera, e farsi meno pippe!” Me lo dice senza tracotanza, da ragazzo, con un candore adamantino. Forse tra loro funzionerà.

R: La coraggiosa è lei, mica lui. È lei quella che candidamente si presenta così come è: capace di non dimenticare nulla, di approfondire, di essere scelta per come è. Lei gli sta dicendo: guarda che se mi sposi ogni parola non volerà via leggera, ma l’afferrerò e solo io la ricorderò quando tu non saprai neanche di averla detta. Se mi sposi, non ti sarà lecito dirmi ma sì è lo stesso perché tutto dovrà sempre avere un perché.

N: La capacità di non dimenticare nulla assomiglia a una dannazione, per chi ce l’ha e per chi la subisce. Non difendo certo l’indifferenza delle parole: ma proprio perché è la donna a saper voltare pagina, la donna che sa chiudere le porte, non giustifico l’impiccagione per parole dette mesi o anni prima. O si chiarisce al tempo, o diventa l’esercizio di un diritto al rancore al quale preferisco il diritto all’oblio.

R: Anticamente per accedere agli Inferi, era necessario bere a due fontane, una dedicata a Mnemosine, che tutto ricorda, e una a Lete, che tutto fa dimenticare: le anime le avrebbero sapientemente dosate.

N: Io di solito bevo acqua Lete…

Voi a quale fonte vi abbeverate? Dimenticate e procedete leggeri o tendete a ricordare tutto?

Potete scrivere a parliamone.rddv@gmail.com

Commenta

Ti potrebbe interessare:
I DIALOGHI DELLA VAGINA
A DUE PIAZZE – Lapsus rivelatori e sguardi complici: due lettori si confessano
Aspettando la notte
PER CERTI VERSI
Di Anna, Enrico e d’altre memorie
I DIALOGHI DELLA VAGINA
A DUE PIAZZE – Alfabeto di sguardi, le parole silenti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi