Home > DIALOGHI DELLA VAGINA / RUBRICA > I DIALOGHI DELLA VAGINA
A DUE PIAZZE – Mnemosine o Lete? La parola ai lettori

I DIALOGHI DELLA VAGINA
A DUE PIAZZE – Mnemosine o Lete? La parola ai lettori

I lettori, soprattutto uomini, raccontano se stanno dalla parte di Nickname che rivendica il diritto all’oblio o di Riccarda che tende a ricordare: una lotta fra chi beve alla fonte di Lete e chi si bagna in quella di Mnemosine.

Il tempo sistema ogni cosa

Cara Riccarda, caro Nickname,
l’uomo è geneticamente portato ad abbeverarsi alla fontana Lete e per fortuna, altrimenti sarebbe una dannazione come afferma Nick. Ma credo che solo il tempo, nelle sue varie curve in salita e in discesa, faccia emergere i ricordi che pensavi di avere rimosso. Indipendentemente dalla fonte a cui bevi. Preferisco in ogni caso esercitare il diritto all’oblio e in questa dimensione del tempo, qualcosa accade.
Paolo

Caro Paolo,
vorrei ubriacarmi alla fonte Lete e dimenticare molto, ma non tutto: pretendo una dimenticanza selettiva che includa cose brutte e belle, lasci perdere le inutili, il tempo sprecato e le fatiche che potevo risparmiarmi.
Riccarda

Caro Paolo,
se ricordassi troppo andrei in cortocircuito, sia razionale che emozionale. Non so se sia genetica, ma temo di non avere scelta.
Nick

Democraticamente parlando…

Cara Riccarda, caro Nickname,
alla fine è così: io rivendico il diritto che lei dimentichi le mie sciocchezze, ma io ricordi le sue.
E.

Caro E.,
lei che ne pensa?
Riccarda

Caro E.,
onesto e birichino. Sospetto che non te ne freghi molto di cosa pensa lei 🙂
Nick

Chiudi gli occhi please!

Cara Riccarda, caro Nickname,
più che la dannazione di ricordare tutto, ho avuto la colpa di non volere vedere quando le cose le avevo proprio sotto agli occhi.
L.

Cara L.,
anche chiudere gli occhi è una specie di oblio momentaneo. Si oscura, si caccia in disparte il fastidio, sarebbe più facile dimenticare, ma non è così. I dettagli che, malgrado la nostra determinazione a cancellare, non vogliono essere scordati, continuano a riproporsi finché siamo costretti ad accendere la luce.
Riccarda

Cara L.,
non la definirei una colpa, ma una scelta. Ogni scelta, anche quella di chiudere gli occhi, porta delle conseguenze. Questa è responsabilità, non colpa.
Nick

Potete scrivere a parliamone.rddv@gmail.com

Commenta

Ti potrebbe interessare:
DIARIO IN PUBBLICO
Storia di un tavolo. In ricordo dell’amico Efisio
PER CERTI VERSI
Vecchi ricordi
Cultura e arte ferrarese in lutto: scomparso l’artista Gabriele Turola
Viaggio di fine vacanze

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi