Home > DIALOGHI DELLA VAGINA / RUBRICA > I DIALOGHI DELLA VAGINA
I baci rubati
Tempo di lettura: 2 minuti

Perché non scrivi dei baci rubati?
Siamo in un posto sperduto, mangiamo baccalà e l’amalgama dei discorsi di tutti noi è denso, lavoro, figli, famiglia, persone che vanno e vengono nelle nostre vite senza chiedere permesso.
Non siamo d’accordo quasi su niente, ci provochiamo e io affronto il mio primo mezzo bicchiere di rosé.
Non afferro subito cosa intenda il mio amico per bacio rubato, penso al mio più recente, a un semaforo, mi era sembrato rubato perché di anticipo, non scontato, furtivo nel mezzo di un discorso lasciato a metà.
Il mio bacio al semaforo fu il primo di una lunga serie quella sera e nei mesi successivi, quindi non andava bene per quello che voleva dire il mio amico che intanto finiva il suo baccalà e ordinava un fritto misto.
Una notte in treno, un lungo viaggio tra due città d’Europa e nello scompartimento una ragazza. Erano giovani, entrare in confidenza non fu difficile, tra loro solo un bacio, un bacio rubato, preso e portato via per sempre, senza seguito e senza altre intenzioni. Il bacio rubato inizia e finisce senza replica poco dopo, è un unicum che non rinuncia a farsi avanti, anche se la fermata del treno sta per arrivare e uno dei due scenderà rivelando il suo nome ormai sulla porta.
Capisco meglio cosa intenda il mio amico, devo tornare indietro nel tempo, all’estate 1992, quella della canzone di Jovanotti e di un concerto allo stadio di Bologna. Fu una notte di un bacio rubato, sì. Sotto il palco, sul prato, il caso volle che io e la mia amica C. fossimo finite vicine a un gruppo di ragazzi che conoscevamo di vista.
Rivedo lo stupore complice della mia amica quando riaprii gli occhi: ora so che quello era il mio bacio rubato, imprevisto, illuminato dalle luci, avvolto dalla leggerezza di non chiedere niente, riprendere il treno di notte e ricordarlo ancora oggi.

L’avete mai vissuto un bacio rubato? Cosa ne è stato complice?

Potete scrivere a parliamone.rddv@gmail.com

Commenta

Ti potrebbe interessare:
I DIALOGHI DELLA VAGINA
A DUE PIAZZE – L’uomo parla, la donna ascolta… che noia, che barba, che barba, che noia
CONTRO VERSO
Filastrocca di una mamma brasiliana
CONTRO VERSO
Filastrocca di un assassino
paura
Paura

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi