Home > DIALOGHI DELLA VAGINA / RUBRICA > I DIALOGHI DELLA VAGINA
Vivere contro corrente, vivere liberi di scegliere

I DIALOGHI DELLA VAGINA
Vivere contro corrente, vivere liberi di scegliere

Tempo di lettura: 5 minuti

Le nostre lettrici hanno commentato la storia di A.

Il coraggio di andare per la propria strada

Cara Riccarda, ti confesso che, pur essendo per carattere e vissuto, l’antitesi di A. ammiro e rispetto molto la sua forza: il coraggio e la capacità di andare avanti per la strada scelta senza lasciarsi influenzare dai consigli degli “altri”. Quella di A. infatti non è pura caparbietà e incosciente sfrontatezza: è una scelta meditata, consapevole e matura. A. sa quello che vuole, conosce ciò che è bene per sè e questo perché ha compiuto una scelta libera che nasce dall’esperienza e dalla profonda conoscenza di se stessi. A. non si piange addosso; A. non è a traino e non subisce.; A. è indipendente e si assume la responsabilità delle proprie scelte: A. è una donna intelligente che ha rispetto di se stessa e una grande dignità.
Grazie per i meravigliosi spunti di riflessione che ci regali ogni settimana con la tua bellissima rubrica.
Ti abbraccio.
Stefania

Cara Stefania,
credo che A. abbia molto chiaro cosa le piace e cosa non vuole e questo le permette di essere padrona delle proprie scelte. Ho conosciuto donne completamente dipendenti, impossibilitate a cambiare le cose, prigioniere di situazioni in cui riuscivano solo ad allargare le braccia senza provare a portare un cambiamento, anche piccolo, ma significativo. A volte è solo questione di visione, di paura di vedere che uno spiraglio c’è, perchè chissà cosa poi troviamo dietro.
Riccarda

Diversi modi di amare, possibile metterli d’accordo?

Cara Riccarda
A me spettavano Natale, S. Silvestro, Pasqua… poichè ero quella “ufficiale”… la moglie e so che se avessi scritto questa lettera vent’anni fa, sarebbe stata a senso unico. Questo perchè avevo la parte della moglie tradita ed ero pronta ad esternare sentimenti e parole quali: irresponsabilità, tradimento, bugie, sotterfugi. Poi grazie all’esperienza e alle tante primavere passate, ho capito che ci sono persone che riescono ad amare in maniera diversa dalla mia, amano più persone, amano non legarsi in maniera univoca per molteplici motivi, per un senso di libertà o altro ancora.
Ho imparato a non giudicare più perchè nella vita non si sa mai, perchè nessuno è il possessore della verità su come si deve amare, in quale misura, chi, come.
Ho almeno due amiche che vivono la loro vita in questo modo avendo momenti felici ed infelici come tutti del resto!
Personalmente non sono in grado di gestire una vita così e come in passato non perdonerei a mio marito una doppia vita, sempre che lo venissi a sapere ovviamente. Quindi no, non vado contro corrente e sono convinta che in entrambi le situazioni si necessiti di forza e coraggio.
N.

Cara N,
e per fortuna che non amiamo tutti nello stesso modo! Dovremmo ricordarcelo soprattutto in coppia, quando soppesiamo ciò che diamo e ci aspettiamo parti uguali. Se partissimo da questo presupposto, cioè la diversità, secondo me saremmo meno dogmatici e giudicanti. Ma non è facile, lo so, è difficile almeno quanto stare in coppia.
Riccarda

Si può vivere anche contro corrente, l’importante è rispettare se stessi

Cara Riccarda,
non so se vivere l’amore come lo vive A, sia vivere contro corrente.
probabilmente A, vive l’amore rispettando la propria natura, ascoltando il proprio cuore.
Chi può dire quale scelta di vita sia quella giusta?
Chi può sapere quale sia la felicità per quelli che sono gli altri?
Avevo tante certezze quando ero più piccola, vivendo ne ho solo una:
“non ho certezze”.
Come possiamo conoscere le dinamiche che regolano i rapporti interpersonali tra le varie coppie, per giudicare il loro modo di vivere.
Credo che vivere nel rispetto di se stesse, sia la cosa migliore che possiamo donare alla nostra vita.
Forse è questo il modo di vivere veramente contro corrente.
Siamo così abituati a impostare la nostra vita per stereotipi, guardandoci le spalle, nel timore di quello che gli altri possano pensare delle nostre scelte.
E’ a causa di questa paura, che molto spesso, si decide di percorrere la strada forse più semplice, ma che è in conflitto con la nostra vera essenza, sicuramente rispettata dagli altri, ma con una grande tristezza nel cuore per non avere ascoltato la propria voce.
A, hai tutta la mia stima e il mio rispetto.
S.

Cara S.,
per quello che conosco A, lei ha ascoltato solo se stessa e nessun altro. Credo che ciascuno abbia la propria personale felicità e si debba mettere da solo sulla strada per raggiungerla, magari la acchiappa a singhiozzo, ma almeno ha scelto da sè.
La strada degli altri porta altrove, a un simulacro di felicità, a quello stereotipo di cui parli tu. E allora che felicità è?
Riccarda

Potete inviare le vostre lettere a: parliamone.rddv@gmail.com

Commenta

Ti potrebbe interessare:
PRESTO DI MATTINA
OBBEDIENZA E LIBERTÀ: la Nuova Legge di Enzo
L’AMICO NASCOSTO DELLA CITTÀ DI FERRARA
Un ricordo di Padre Marcello
PRESTO DI MATTINA
L’amore che sparge il buon profumo tra la gente
ricordi, vecchie fotografie
IL FIGLIO DELLA GUERRA

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi