27 Febbraio 2017

I Don’t Know Where Dan Treacy Lives

Radio Strike

Tempo di lettura: 7 minuti

Bene, siamo più o meno tutti adulti e vaccinati e come tutti gli adulti vaccinati siamo anche calendarizzati.
Sapremo quindi bene che questa settimana chiuderà il mese più sghembo dell’anno, il sempre imprevedibile febbraio.
Colgo allora l’occasione per salutarlo e ringraziarlo raccontando qualcosa che so solo io e altre cose che altri sanno già.
Un venerdì sera di questo mese mi trovavo a tavola per con due amiche per una cosa che ultimamente è diventata un po’ un rito: la serata gnocchi.
Stavamo aspettando la fame quando – parlando del più e del meno – una persona che chiameremo “ET” se n’è uscita così: ma il tipo dei Television Personalities?
E l’unica risposta che siamo riusciti a darci è stata un laconico “eh, non si sa più niente”.
Ma andiamo per gradi.
I Television Personalities sono stati un gruppo per cui – per una volta – l’espressione “di culto” non sa di frase fatta o proprio di cagata.
Da quel che so io si sono formati a Londra – Londra quella vera, quella che sotto le campane – nel 1978 circa, quindi più o meno durante la comunemente detta “era punk”.
Quando dico “sotto le campane” lo dico perché chi li ha già sentiti ha ben presente l’accento del cantante, Dan Treacy.
E’ l’accento cockney più peso della storia, penso.
Fra tutti i tantissimi baronetti del pop/rock-come-lo-vogliamo-chiamare britannico a lui lo dovrebbero baronettizzare anche solo per quell’accento.
Ma quell’accento è il meno.
I Television Personalities sono un gruppo punk ma lo sono davvero a modo loro.
Sembrano una specie di Kinks non da camera, più “da cameretta” ma avendo contribuito a fondare l’estetica – ormai anche sfinitissima – della “musica da cameretta” hanno solo i pregi e non i difetti di quel piglio lì.
E quando dico “Kinks” non lo dico a caso.
Dan Treacy, che scrive, canta, suona la chitarra – gran chitarrista poi – in tutti i pezzi, è proprio l’apoteosi di quella tradizione lì tipicamente british, quasi se la gioca con Ray Davies.
Tutto quell’umorismo, quel modo di raccontare persone/storie e anche stronzate con quell’aplomb a metà fra il pungente, il nostalgico e la presa per il culo bella e buona, nei suoi pezzi arrivano a un livello talmente estremo da saturarti il cervello come una bottiglia intera di gin e sì, forse battere persino Ray e i Kinks in quel settore.
Qualcuno, un tipo molto più rispettabile di me, l’ha definito “the last bluesman in England”.
Non so se sia vero ma è sicuramente uno dei migliori e non solo di quest’epoca o almeno, è molto più english e molto più bluesman lui di un Eric Clapton o di un John Mayall.
I Television Personalities sono “famosi” per aver scritto I Know Where Syd Barrett Lives, forse la dedica più bella di sempre a Barrett.
Si dice anche che la loro ossessione per Barrett, nel 1984, li abbia fatti rispedire a casa durante un tour in cui aprivano per David Gilmour.
Tutto questo perché – non oso immaginare come – avevano scoperto l’indirizzo del vecchio Syd.
Si dice anche che un Dan Treacy un po’ con le pezze al culo sia stato parecchio coinvolto nella scrittura di tutto il primo disco degli Arctic Monkeys

Non so se sia vero ma purtroppo Dan Treacy è noto per i suoi alti e bassi.
Ma ‘ste cose le vorrei lasciar perdere.
Preferirei ricordare quanto è stato gentilissimo con me circa una decina di anni fa.
Ai tempi non avevo praticamente più una chitarra perché la mia prima schifossima Yamaha stava perdendo i pezzi tipo lebbra.
E ai tempi ero anche bello in fissa con il primo disco dei Television Personalities, “…And Don’t The Kids Just Love It”.
Quel disco aveva dei suoni di chitarra semplici ma stranissimi.
Una roba un po’ a metà fra le chitarre surf, Barrett nel primo dei Pink Floyd e un marciume generale un po’ dilettantesco.
Una roba che mi sembrava il suono di una Tele o di una Danelectro.
Così cerco un po’ su internet, e cerco di capire.
Le Danelectro costavano (e costano ancora) relativamente poco ma a parte qualche problema di tenuta dell’accordatura sono delle gran chitarre.
Le fanno ancora come ai vecchi tempi: due pezzi di plasticazza con in mezzo del cartone pressato, riga di nastro attorno + uno, due o tre pickup che originariamente erano avvolti da degli involucri avanzati da una fabbrica di rossetti.
Dubito che usino ancora gli involucri di quei rossetti ma la forma dei pickup è rimasta la stessa e così sono rimaste anche le loro chitarre che sembrano ancora un cremino con il manico e la paletta.
Questa cosa apparentemente schifosa porta però a ottenere un suono particolarissimo.
A quel punto, mentre guardo i prezzi e confronto i vari modelli, mi viene l’idea più banale del mondo: cercare il buon Dan Treacy su Facebook e scrivergli per chiedere lumi direttamente a lui.
Alla fine lo trovo, gli scrivo, lui mi risponde in modo cordiale e dettagliato confermandomi che sì, in quel disco suonava una Danelectro quindi non solo inizia a darmi delle dritte su come usarle e gestirle con riverbero, pedalini, feedback e blah blah blah ma così, col tempo, inizia a impezzarmi lui così, quand’è in biblioteca per i cazzi suoi al pomeriggio.
Sembrava proprio un tipo simpatico e che non se la tira.
Purtroppo però, qualche anno dopo è sparito da Facebook e, peggio ancora, più o meno dal mondo reale.
E allora da quella sera della serata gnocchi, dalla mattina dopo, ho iniziato a cercare notizie di Dan Treacy su internet e ho scoperto che è vivo e sembra stia più o meno bene, o almeno, meglio di come stava quando fu costretto a sparire.
Scoprendo questa cosa ci siamo sentiti tutti un po’ meglio e io, ovviamente, sono tornato in fissa con i TVPs per tutto questo mese.
L’altra settimana poi sono andato in stazione con le cuffie a palla e la bigliettaia, sentendo il mio consueto casino che usciva dalle cuffie mi ha chiesto cos’era quel casino e mi ha chiesto anche mezza cuffia per ascoltare.
La sua domanda è stata “che fighi, chi sono?” e la mia risposta è stata “i Television Personalities”.
Solo che parlo così male che gliel’ho dovuto scrivere su un pezzo di carta.
Ma chi se ne frega.
Se i TVPs sono un gruppo “di culto”, come per ogni culto serio l’importante è fare del sano proselitismo.

Mummy Your Not Watching Me (Television Personalities, 1982)



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Radio Strike

Radio Strike

Ti potrebbe interessare:

  • Diario di un agosto popolare
    8. STELLE CADENTI

  • Il ritorno dell’inflazione e dei tassi d’interesse.
    Il sistema si autoassolve a spese dei cittadini

  • Walden – Andare per boschi

  • Vecchi, ricchi, “condizionati” … e una gran paura della morte:
    cronaca di un dialogo impossibile

  • La tirannia del tempo
    …un racconto

  • SENZA UN’IDEOLOGIA IL PD HA PERSO LA SUA IDENTITÀ.
    Corre verso il Centro e non convince gli italiani.

  • LO STESSO GIORNO
    Quando i poveri eravamo noi: non dimenticare Marcinelle

  • Diario di un agosto popolare
    7. LA BOLLA SVEDESE

  • LA SALUTE DEL NOSTRO MARE
    Goletta verde è arrivata a Porto Garibaldi

  • VERTENZA EX GKN:
    tavolo istituzionale a un’impasse

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi