7 Dicembre 2019

I luoghi mitici dell’identificazione

Liliana Cerqueni

Tempo di lettura: 5 minuti

Esistono luoghi che da sempre hanno ispirato e rafforzato il senso di appartenenza, abbattuto barriere sociali, incentivato legami, indotto a una condivisione di qualche tipo. Hanno da sempre favorito un sentire comune, un’esternazione di pensiero ed emotività che porta facilmente ad un sodalizio, alla voglia di aggregazione che funziona secondo proprie regole e propri tempi.
Sono spazi di inclusione riconoscibili, familiari, che profumano di tempi passati, spesso citati nei film e nei romanzi ma esistiti realmente in tutta la loro valenza e caratterizzazione. E forse qualcuno di essi continua ad esistere in qualche piccola realtà urbana, in qualche paese non raggiunto e stritolato completamente dalla contemporaneità. Si possono chiamare ‘Bar Sport’, ‘Cinema Italia’, Parco Caduti, Piazza Garibaldi, angoli di città e agglomerati di periferia in cui arrestare l’estraniante frastuono del mondo per tuffarsi in un’atmosfera più autentica, a misura d’uomo. Parco Caduti di una volta, con le panchine, gli incontri tra proprietari di cani e sorridenti babysitter, anziani in vena di ricordi e compiaciuti operatori ecologici che per un attimo dimenticano il lavoro e si fermano ad ascoltare. Cinema Italia con i seggiolini consunti e tante storie da rappresentare, lacrime commosse e risate, famigliole in cerca di divertimento e spettatori solitari che per qualche ora dimenticano la solitudine. Piazza Garibaldi, dove c’è sempre una fontana circolare con bordi su cui sedere, chiacchierare, fermarsi anche solo per poco con la certezza che qualcuno c’è sempre.
E poi c’è il Bar Sport. Chi non ha mai bevuto un caffè al Bar Sport? Non importa se lo sport c’entra poco o per nulla: l’idea rimane quella dell’apertura, il movimento, la vitalità, l’energia, il calore di un ambiente che nel tempo è andato a perdersi, offuscato o soppiantato da altro. Sono i luoghi mitici della narrazione e dell’ascolto ormai estinti o in via d’estinzione proprio come l’orso polare o il pinguino imperatore; luoghi di senso che hanno esercitato la loro funzione sociale di catalizzatori di sensazioni, pensieri, confidenze, confessioni, dichiarazioni, umori e malumori, progettualità, chiacchiere leggere e ragionamenti impegnativi. Bar Sport era un punto sicuro, luogo di cori di risate ma anche di attenzione e ascolto, sede delle incazzature più genuine, dei grandi proclami su faccende di politica e sport, delle ‘sparate’ così alte da sembrare perfino vere, della tuttologia che serba un fondo di saggezza, delle battutine sagaci, delle confidenze di una cert’ora, delle grandi trasformazioni bicchiere dopo bicchiere: un luogo dove c’era anima, umorismo, semplicità che non è sempliciotteria.
Lo stesso posto che troviamo in “Il bar delle grandi speranze”, (2005), dell’autore statunitense J.R. Moehringer che in questo romanzo racconta la propria vita. Cresciuto senza padre, con una madre indebitata fino al midollo e scappata da vite scomode, viene allevato da zio Charlie, barista al Dickens rinominato poi Publicans. Nel locale l’autore ascolta le storie di molti uomini, seduto su uno sgabello al bancone di legno appiccicoso. Sente il padre che fa lo speaker in radio e parla con quella voce irraggiungibile senza poterla visualizzare, rincorrendola tutti i giorni sulle stazioni radiofoniche. Passano gli anni e inizia a frequentare con successo l’università: studio, delusioni d’amore, esperienze, vita. Continua ad ascoltare le storie dei clienti del Publician, le raccoglie e le scrive ma il bar stesso gli impedisce di progredire e realizzarsi e ogni drink in più è un ostacolo alla sua ascesa. Il padre diventa ogni barista di turno che gli riempie il bicchiere. Deciderà che è arrivato il tempo del cambiamento radicale, si allontanerà dalle tentazioni del bar per ritornare solamente dopo la grande svolta interiore. […] Ci andavamo per ogni nostro bisogno. Quando avevamo sete, fame, quando eravamo stanchi morti. Ci andavamo quando eravamo felici, per festeggiare, e quando eravamo tristi, per tenere il broncio. Ci andavamo dopo i matrimoni e i funerali, a prendere qualcosa per calmare i nervi, e appena prima, per farci coraggio. Ci andavamo quando non sapevamo di cosa avevamo bisogno, nella speranza che qualcuno ce lo dicesse. Ci andavamo in cerca d’amore, di sesso, o di guai, o di qualcuno che era sparito, perché prima o poi capitava là. Ci andavamo soprattutto quando avevamo bisogno di essere ritrovati.” […] Luoghi soppiantati oggi dal proliferare dei non-luoghi, apparsi ovunque dagli anni ’90. Sono i grandi spazi del consumo, diventati segno e simbolo del nostro rapporto attuale con la collettività e col mondo, svuotato e impoverito.
Gli spazi di inclusione attuali, nati e sviluppatisi come grandi scatoloni commerciali nel Nord America degli anni ’40 e ’50, gli Shopping Malls, raccolgono il nostro bisogno di appartenenza in modo automatico e asettico, assecondando il rito quotidiano dell’acquisto, centralità delle nostre esistenze. I non-luoghi vengono trasformati in mete di pellegrinaggio verso le cattedrali del consumo ammiccanti, popolose, promettenti perché si è ‘in’, inseriti in un gruppo sociale, oppure ‘out’, esclusi dalla sicurezza di appartenenza, in base al possesso di un numero minimo di oggetti acquistabili. Questo è ciò che rende palese e inequivocabile la mappa dell’appartenenza o dell’esclusione. Non c’entra nulla l’ascolto, il dialogo, la disponibilità al vero incontro con l’altro perché è ciò che si acquista a diventare anche strumento stesso per raccontare di sé e quindi mezzo di comunicazione. C’era una volta il Bar Sport, racconteremo: non sarà nostalgia, né rimpianto, perché alla fine ci si adatta e si impara a sciorinare altre verità. Ma dovremo convenire come fosse tutto più facile…



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Liliana Cerqueni

Autrice, giornalista pubblicista, laureata in Lingue e Letterature straniere presso l’Università di Lingue e Comunicazione IULM di Milano. E’ nata nel cuore delle Dolomiti, a Primiero San Martino di Castrozza (Trento), dove vive e dove ha insegnato tedesco e inglese. Ha una figlia, Daniela, il suo “tutto”. Ha pubblicato “Storie di vita e di carcere” (2014) e “Istantanee di fuga” (2015) con Sensibili alle Foglie e collabora con diverse testate. Appassionata di cinema, lettura, fotografia e … Coldplay, pratica nordic walking, una discreta arte culinaria e la scrittura a un nuovo romanzo che uscirà nel… (?).
Liliana Cerqueni

Ti potrebbe interessare:

  • LA SALUTE DEL NOSTRO MARE
    Goletta verde è arrivata a Porto Garibaldi

  • Vertenza ex Gkn.
    Tavolo istituzionale a un’impasse

  • Diario di un agosto popolare
    6. FINCHÉ C’É LA SALUTE

  • mare

    Per certi versi
    La vita è come il mare

  • frammenti terracotta tegole

    ERNESTO BALDUCCI: UNA TESTIMONIANZA
    “Guardare con speranza ai segni del tempo”

  • Gli azzeccagarbugli servi dei padroni dell’energia

  • conchiglie mare sabbia

    PRESTO DI MATTINA
    Il pellegrino e la conchiglia

  • CHI TOCCA UNA TOCCA TUTTE

  • CI SIAMO ANCHE NOI …
    Save The Park, dove migliaia di uccelli hanno la loro casa

  • Cos’è la destra, cos’è la sinistra
    Il boomer, il ragazzo e il bambino senza memoria

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi