Home > AVVENIMENTI > I nostri bisnonni giocavano così Mezzo secolo di balocchi in mostra

I nostri bisnonni giocavano così Mezzo secolo di balocchi in mostra

giochi-nonni
Tempo di lettura: 4 minuti

di Davide Tucci

Birilli in legno e case di bambole che sembrano vecchi set cinematografici. Decine di modelli diversi di Pinocchio e peluche d’altri tempi che raffigurano gli animali delle favole di Fedro ed Esopo. Ci sono Topolino e i concorrenti Tom & Jerry di Hanna-Barbera, le automobiline aerodinamiche dell’immaginario futurista, cavalli a dondolo e giochi da giardino… E poi banchetti scolastici, lavagne e camere da letto in stile liberty.

Anche se dell’epoca dei nostri bisnonni, i giocattoli raccontano storie, sprigionano sensazioni ed emanano profumi che ci avvolgono nell’abbraccio etereo, e al contempo ovattato, dell’infanzia. Madeleine per la vista e per il tatto che ci restituiscono a una dimensione perduta, seppur nitida nella nostra mente. Fino al 14 giugno, i giochi della prima metà del Novecento rivivranno ne “La camera dei bambini”, una mostra di 400 pezzi che appartengono alla collezione di Maurizio Marzadori, noto antiquario bolognese e titolare della galleria Freak Andò.

L’esposizione, allestita nella biblioteca Sala Borsa di Bologna in occasione della “Fiera internazionale del Libro per ragazzi”, è stata inaugurata dal professor Antonio Faeti, dal designer Lucy Salamanca e dallo stesso Marzadori. Che spiega: «I pezzi in mostra sono solo la metà di tutti quelli che sono riuscito a raccogliere in 25 anni. I primi acquisti li ho fatti per arredare la cameretta della mia bambina. Alcuni di questi elementi sono già stati ammirati al Moma di New York, ospiti della rassegna internazionale “Century of the child”. Tra i giocattoli, ci sono creazioni della ditta Lenci e oggetti realizzati coi personaggi del “Corriere dei piccoli”, come Bonaventura di Tofano e Fortunello. Molti dei mobili, se non addirittura intere camerette, sono stati creati da designer del calibro di Antonio Rubino, Ernesto Basile, Giuseppe Pagano e altri artisti del primo Novecento. Gli arredi scolastici, invece, vengono dagli istituti Montessoriani e appartengono in larga parte alla corrente razionalista».

La mostra si snoda in tre percorsi: si comincia dai giocattoli, tra i quali non mancano le bambole ispirate all’illustratore Marcello Dudovich e un’intera sezione dedicata all’iconografia di Pinocchio, che ha trovato nel film Disney del 1940 uno spartiacque raffigurativo. I giochi prodotti durante il ventennio fascista riflettono l’attenzione rivolta all’infanzia dal regime. Un’attenzione che si concreta in forme e simbologie che appartengono alla retorica mussoliniana.

L’arredo delle camerette, invece, naviga attraverso diverse correnti artistiche, dal Liberty al Futurismo così come inteso da Giacomo Balla. Viene facile immaginare i pargoli, avvolti in abbondanti camicie da notte bianche, mentre si addormentano sfiniti nel ligneo tepore di quei lettini. Si prosegue con la sezione dedicata alla scuola, in cui campeggiano i sedili rustici e le cattedre pieghevoli create dal pedagogo Luigi Marcucci, l’ideatore delle “Scuole rurali” che nacquero durante l’ultima epidemia di malaria. Proprio accanto, il coloratissimo materiale didattico degli istituti Montessoriani, tra cui spiccano una sedia intarsiata di Carlo Zen e uno scrittoio in vetro dell’architetto Giò Ponti.

Il traguardo finale è il piccolo angolo “Toy store”, colmo di coloratissimi giocattoli e lampadari in legno, stilizzati, originali e, in alcuni casi, meccanizzati. Come scrive Antonio Faeti: «La cameretta è il centro del mondo dei più piccoli. Lì c’è un mondo unicamente loro. È lo spazio di creatività, fantasia, poesia. Parlandone, si tocca molto facilmente un tratto decisivo della crescita infantile… E si è indotti a fare i conti con una realtà che noi adulti censuriamo e allontaniamo».

[© www.lastefani.it]

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Monopoli di Stato, come fumarsi le persone
Mario_Draghi_-_World_Economic_Forum_Annual_Meeting_2012
Effetti del nuovo liberalismo del governo Draghi:
più poveri e più privatizzati
Camminare è virtù
monaca, suora, suora che prega
Guenda

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi