COMUNICATI STAMPA
Home > COMUNICATI STAMPA > I rifugiati accolti da CIDAS impegnati nella raccolta di rifiuti abbandonati con Plastic Free

I rifugiati accolti da CIDAS impegnati nella raccolta di rifiuti abbandonati con Plastic Free

Tempo di lettura: 3 minuti

“Se mi chiedessero quanto bravi sono i ragazzi accolti nel progetto del Sistema di Accoglienza e Integrazione (SAI) di Ferrara, direi 110%!” è il commento entusiasta di Dimitriy Porokhovskyy di Plastic Free, l’organizzazione di volontariato nazionale, molto attiva a Ferrara, con l’obiettivo di informare e sensibilizzare sul tema dell’abbandono e della produzione dei rifiuti, soprattutto della plastica.
In particolare con gli ospiti della struttura Jerry Masslo di via Vallelunga, gestita da CIDAS, è stata avviata una collaborazione che dura da qualche mese.
“Qualcuno di loro ha iniziato a partecipare alle raccolte che realizziamo sul territorio, così, in accordo con gli operatori della cooperativa che li seguono, ci è venuta l’idea di organizzare una passeggiata ecologica partendo dalla loro struttura fino a Pontelagoscuro, per raccogliere i rifiuti buttati indiscriminatamente lungo fossi e campi”, ha spiegato Laura Felletti, referente del gruppo ferrarese di Plastic Free.
“È il nostro dovere morale per curare e mantenere l’ambiente sano come fosse nostra madre, anzi è la nostra madre perché è la unica che abbiamo, quindi dobbiamo fare tutti il possibile per dare un mondo migliore alla prossima generazione”, così i ragazzi rifugiati provenienti da Afghanistan, Iraq, Pakistan e Gambia, hanno motivato la loro adesione alle attività di pulizia dell’ambiente.
Oltre agli adulti, sono stati coinvolti, fin dallo scorso anno, anche i minori stranieri non accompagnati ospiti della Città del Ragazzo nell’ambito del SAI gestito con CIDAS che, assieme alle educatrici, hanno partecipato a diverse attività di raccolta dei rifiuti e sensibilizzazione all’utilizzo sostenibile della plastica.
Per il prossimo futuro Plastici Free e CIDAS stanno già organizzando nuove iniziative da svolgere assieme ai beneficiari dei progetti di accoglienza.
“Per noi il valore di questa iniziativa non è solo quello utile e lodevole di dare il nostro contributo a smaltire immondizia abbandonata, ma anche quello di partecipare attivamente ad attività di volontariato con persone sensibili ed inclusive, che è il modo migliore per far sentire le persone che seguiamo parte di una comunità, responsabilizzarle rispetto al contesto in cui vivono e dare un senso concreto al concetto di integrazione su cui lavoriamo ogni giorno”, hanno affermato Marco Orsini, Anna Claudia Belloni e Francesca Cavalieri coordinatore e operatrici dell’accoglienza di CIDAS.
Questo tipo di azioni volte alla partecipazione e alla socialità, si affiancano a quelle di formazione linguistica ed al mondo del lavoro che la cooperativa fornisce per garantire l’autonomia e l’inserimento dei rifugiati nel contesto territoriale.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi