Tempo di lettura: 2 minuti

di Francesca Ambrosecchia

I noti “sassi di Matera” costituiscono un tipico esempio di “città dentro la città”. Un agglomerato di casette bianche scavate nel tufo che si possono ammirare dai belvedere situati nel centro città. Inutile dire che la suggestione è immediata: sembra di stare davanti ad un presepe vivente, in particolar modo quando la luce del giorno cala e i lampioni, le finestre e la cattedrale che le sovrasta si illuminano.
Scendendo pochi gradini si approda in una realtà unica. Si respira “storia”, un passato che al tempo stesso è pieno di vita del presente: case che un tempo erano quasi spoglie, che ospitavano famiglie numerose e animali allevati per il loro sostentamento; tutto in una sola stanza. Oggi invece, quelle stanze scavate nella roccia ospitano alberghi, ristoranti, case ampie e confortevoli. La nostra realtà è contenuta in qualcosa che riporta al passato, fino a giungere ad insediamenti preistorici, i primi che sono stati ritrovati nel materano.
L’altopiano calcareo che ospita i sassi di Matera è la Murgia: la città si è sviluppata intorno a quello che è un vasto burrone che prende il nome di Gravina, un canyon di diversi chilometri percorso da un lungo torrente.
Natura e città si confondo e danno vita a paesaggi mozzafiato, non per niente Patrimonio Mondiale Unesco.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
scuola bambini
Pandemia, Gino Strada e l’ottusità di una Amministrazione
mare alba raggio vento
PRESTO DI MATTINA
Il vento raggiante del tuo linguaggio
L’ESPERIENZA
Immergersi nel “Bagno di Foresta”: una gita spazza-timori ancestrali
PER CERTI VERSI
Le api stanno morendo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi