Home > IL QUOTIDIANO > I “tassi” compiono 10 anni tra letteratura e divulgazione culturale

I “tassi” compiono 10 anni tra letteratura e divulgazione culturale

È una giornata particolare quella del 22 febbraio: esattamente 10 anni fa nasceva una delle realtà culturali più interessanti del panorama culturale ferrarese, il “Gruppo del Tasso”. Associazione dedita alla divulgazione culturale, si è caratterizzata per aver organizzato una serie di eventi di grande successo, tra cui la rassegna GialloFerrara e il Festival Punto & Virgola. A raccontarci questa avventura ci hanno pensato tre donne, al centro della divulgazione della cultura a Ferrara.

La prima a parlare è proprio Irene Lodi, presidente del Gruppo del Tasso: “Dieci anni sono un traguardo da festeggiare: in tutto questo tempo siamo cambiati, cresciuti e maturati. Per me il Gruppo del Tasso è stato un vero e proprio percorso di formazione: mettendomi alla prova ho sperimentato nell’ambito che amo, quello della letteratura, e ho imparato tantissimo, sia a livello umano sia nel campo più operativo dell’organizzazione. Sono sempre stata vicina ai valori dell’associazionismo, frequento fin da piccola gruppi sociali, e quando sono diventata grande ho accolto con entusiasmo l’occasione di provare l’esperienza di un consiglio direttivo, prima, e di una presidenza, poi. In particolare, sono entrata nel Gruppo con l’evento di GialloFerrara del 2016, e sono stata immediatamente convinta dalla passione dei soci per quello che facciamo insieme: l’idea di mettere la cultura a disposizione di tutti, di contribuire, nel proprio piccolo, a rendere un po’ più ricca la propria città, sono da sempre il motore dei Tassi, e da quel festival in poi, anche il mio. Credo che il concetto stesso di volontariato sia una scelta politica, nel senso più antico del termine, l’arte che riguarda la città, per questo tentiamo di rivolgere le nostre iniziative a un pubblico variegato: c’è bisogno del contributo di tutti per vivere la cultura a 360 gradi, e rendere Ferrara, che già amiamo profondamente, un luogo di promozione letteraria. Per questo Decennale devo ringraziare innanzi tutto i nostri primi sostenitori: Assicoop Modena&Ferrara e CoopAlleanza 3.0 hanno sempre creduto in noi e nei nostri progetti, e hanno voluto aiutarci a festeggiare il nostro decimo compleanno: non avremmo mai potuto spegnere queste candeline con così tanti amici senza di loro! Una menzione speciale va anche ad Arci Ferrara, da cui abbiamo imparato tanto sulla gestione e organizzazione degli eventi culturali, e ha contribuito a far crescere la rete di contatti che abbiamo costruito nel tempo, e che è stata fondamentale per arrivare a questo momento con tanti compagni di avventura: i ragazzi della Web Radio Giardino e la redazione di Telestense in primis”.

Alice Bolognesi, presidente di Arci Ferrara, ci ha raccontato della collaborazione che è nata tra i Tassi e l’Arci, con l’adesione del Gruppo a questa rete associativa: “Arci Ferrara è felice di avere tra i suoi affiliati, dal 2017,  il Gruppo del Tasso. L’adesione del Gruppo ben si sposa con gli obiettivi di promozione culturale di Arci , con un arricchimento che speriamo sia reciproco, negli intenti e nella pratica . Ci preme ricordare come il Gruppo del Tasso sia un’eccellenza rispetto al panorama associativo , essendo una delle poche associazioni Arci in Italia che si occupa di promozione letteraria , realizzando eventi culturali di qualità ben inseriti nel territorio e aperti a contaminazioni artistiche, e che negli anni ha saputo intercettare pubblici eterogenei e sempre crescenti. Il nostro augurio è quello di riuscire a crescere e di festeggiare altri 10 anni insieme, portando l’esperienza del Gruppo del Tasso in altri circoli sul territorio nazionale.”

Anna Maria Quarzi, presidente dell’Istituto di Storia Contemporanea, ed esperta nel campo della divulgazione culturale, infine, ci ha descritto il protagonismo giovanile all’interno del panorama culturale estense: “L’Istituto di Storia Contemporanea non è solamente un luogo di ricerca, ma anche di promozione culturale, con grande attenzione per i giovani: gravitano moltissimi ragazzi qua intorno, non solo persone che si occupano di storia, ma anche e soprattutto di attività culturali. Per me il Gruppo del Tasso è stato una scoperta: fin da subito ho apprezzato il loro grande entusiasmo, e mi ha colpito questo gruppo di giovanissimi, alcuni si stavano ancora laureando all’epoca, per l’impegno nel lavoro che stavano intraprendendo, anche perché la loro è sempre stata una proposta seria per la crescita della cultura e della città. Il linguaggio poetico è un linguaggio dell’anima, e ho trovato assolutamente giusto dare gli spazi all’associazione, quando ne avevano bisogno, ma soprattutto ascoltare. La nostra idea culturale si concretizza nel confronto con i giovani, portando avanti un dialogo tra le generazioni: questo è l’Istituto, un luogo dove c’è incontro. La materia di cui ci occupiamo non va pensata solo come divulgazione scientifica, ma deve essere intesa come l’insieme delle discipline artistiche: letteratura, poesia, arte, politica, economia… Tutto questo è storia”.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
CITTA’ VUOTA:
E il mio esame di maturità? E il test all’università? Eppure sono convinta…
Una firma per liberarci di Sgarbi (almeno al MART)
Ma attenzione a non sbagliare bersaglio
La rivoluzione di Guido d’Arezzo… O Guido da Pomposa?
La quercia del Tasso
del Gruppo del Tasso

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi