Home > COMUNICATI STAMPA > Il 21 e 22 novembre a Bobbio si terrà il Convegno Internazionale “L’eredità di San Colombano, memoria e culto attraverso il Medioevo”

Il 21 e 22 novembre a Bobbio si terrà il Convegno Internazionale “L’eredità di San Colombano, memoria e culto attraverso il Medioevo”

Tempo di lettura: 6 minuti

da: Ufficio Stampa Sbarcheo

Appuntamento il 21 e 22 novembre 2015 nell’Auditorium Santa Chiara a Bobbio (Pc). Il 23 novembre prossimo ricorre il 1400° anniversario della morte di San Colombano morto proprio a Bobbio (PC) nel 615 e qui sepolto nella cripta della Basilica a lui dedicata. Sul sarcofago che contiene le sue spoglie sono scolpiti gli episodi più salienti del suo operato.

Per commemorare l’evento l’International Network “Making Europe: Columbanus and his Legacy” (Costruire l’Europa: Colombano e la sua eredità) ha promosso nel 2015 tre convegni (a maggio a Bangor in Irlanda, a settembre a Luxeuil in Francia) l’ultimo dei quali si terrà proprio a Bobbio il 21 e 22 novembre prossimi
“L’eredità di San Colombano. Memoria e culto attraverso il medioevo” tratterà i temi della memoria e del culto del santo, delle reliquie, degli scritti di Colombano e dei suoi monasteri come luoghi di pellegrinaggio ma sarà anche l’occasione per presentare i nuovi dati archeologici emersi dagli scavi condotti dalla Soprintendenza Archeologia dell’Emilia Romagna in molti anni di indagini
Sabato 21 novembre
h. 8.30-9.00 Accoglienza
h. 9.00-9.30 Saluti e apertura dei lavori
h. 9.30-10.15: P. J. Geary ( Institute for Advanced Study, Princeton), Columbanus remembered, forgotten, and transformed in the long Middle Ages
Sessione I. Culto e reliquie di san Colombano
h. 10.15-10.45: E. Bozoky (Université de Poitiers et Centre d’Etudes supérieures de Civilisation médiévale), La fama du saint: miracles et reliques (keynote paper)
h. 10.45-11.15: G. Zaccagnini (Consulta della Congregazione delle Cause dei Santi), Culto e reliquie di san Colombano in Italia nel Medioevo (secc. VII-XV)
h. 11.15-11.45: Ch. Meriaux (Université de Lille 3), Fuit eius studii, ut multos sua facundia erudiret. Le culte et le souvenir de saint Colomban et de ses disciples dans le Nord de la Gaule du haut Moyen Âge
Pausa
h. 12-12.20: P. Lendinara (Università degli Studi di Palermo), Testimonianze di san Colombano in Inghilterra medievale
h. 12.20-12.40 : A.-Y. Bourges (Élève diplômé de l’École pratique des hautes études, IVe Section, Paris-Sorbonne), Un saint peut en cacher un autre: le culte de Colomban en Bretagne
h. 12.40-13: D. Ó Corrain (University College Cork), Columbanus and his countrymen
Discussione
Sessione II. L’agiografia colombaniana: Giona e la produzione agiografica sul santo in età medievale
h. 15.00-15.30: S. Boesch Gajano (Università degli Studi di “Roma Tre”), La Vita Columbani nel contesto della produzione agiografica altomedievale (keynote paper)
h. 15.30-16: A. Dubreuco (Université de Lyon 3 “Jean Moulin”), Le corpus des textes colombaniens. Élaboration et tradition manuscrite
h. 16.00-16.20 : P. Chiesa (Università degli Studi di Milano), Giona oltre Colombano: vita e contesto di un biografo
h. 16.20-16.40: E. Tremp (Stiftsbibliothek St. Gallen), Saint Colomban dans les manuscrits hagiographiques et liturgiques de l’abbaye de Saint-Gall
Pausa
Discussione
Il territorio bobbiese: uno sguardo
h. 17.30-18.00: R. Conversi (Soprintendenza Archeologia dell’Emilia-Romagna), Gli insediamenti in Val Trebbia e nelle valli contermini tra il VII e il IX secolo e le loro relazioni con il monastero di Bobbio nei risultati degli scavi archeologici
h. 18.00-18.20: M. Catarsi-P. Raggio (Soprintendenza Archeologia dell’Emilia-Romagna), L’Appennino parmense tra radicamento patrimoniale bobbiese e rete itineraria: il contributo della ricerca archeologica
h. 18.30: Presentazione del volume “Miracula sancti Columbani: la reliquia e il giudizio reale”, a cura di Alain Dubreucq e Alessandro Zironi, Firenze, Sismel (Per Verba, 31), 2015
Domenica 22 novembre
Visita al Museo Archeologico di Travo (Piacenza) in Val Trebbia a cura di Roberta Conversi, Soprintendenza Archeologia dell’Emilia-Romagna.
Prenotazione necessaria, scheda d’iscrizione su http://diana.lett.unipmn.it/bacheca/bobbio/default.html
Pranzo
Sessione III. I monasteri colombaniani come luoghi di memoria e di pellegrinaggio
h. 14.00-14.30: J. Smith (University of Glasgow), Columbanus in context: the dissemination of relics in early medieval Europe (keynote paper)
h. 14.30-15.00: E. Bhrethnach (The Discovery Programme, Dublin), An island in transformation: Ireland during Columbanus’s lifetime
h. 15.00-15.30: E. Destefanis (Università degli Studi del Piemonte Orientale, Vercelli), Bobbio e il pellegrinaggio colombaniano tra fonti scritte e fonti archeologiche
h. 15.30-16.00: C. Newman (National University of Ireland, Galway), C. BOURKE, Clonmore and Bobbio
Pausa
h. 16.30-17.00: P. Erhart (Stiftsarchiv St. Gallen), Tra Luxeuil e Bobbio: il monastero di San Gallo come centro di pellegrinaggio
h. 17.00-17.20: R. Savigni (Università degli Studi di Bologna, Ravenna): L’eredità di Colombano in Pascasio Radberto e nella cultura monastica carolingia e post-carolingia
h. 17.20-17.40: M. Stansbury (National University of Ireland, Galway): Habent sua fata bibliothecae. The Growth, Death and Afterlife of the Bobbio Library
Discussione
h. 18.15-19.00: J.-M. Picard (University College Dublin), Conclusioni
Per l’iscrizione al convegno http://diana.lett.unipmn.it/bacheca/bobbio/default.html
La Basilica di San Colombano fu costruita nel 1456, sopra la precedente chiesa dell’anno 1000. Dell’antico complesso abbaziale romanico restano la torre campanaria, l’absidiola e uno splendido mosaico pavimentale nell’attuale cripta rinvenuto nel 1910 a – 2, 35 m dal piano di calpestio
Sull’ampia superficie musiva (messa in luce solo in parte) sono raffigurati temi sacri e relativi alla scansione medievale del tempo, che si svolgono su quattro registri sovrapposti, alternati da fasce di disegni geometrici. Sono raffigurate scene del racconto del secondo Libro dei Maccabei, scene con animali fantastici e la ruota del tempo svolta con la Teoria dei Mesi, dove l’inizio dell’anno è fissato a Marzo (ab incarnazione Domini, celebrata il 25 marzo).
Nato a Navan in Irlanda nel 542 circa, San Colombano (in gaelico: Colum Bán, «colomba bianca»; latino: Columbanus Bobiensis) era un monaco missionario noto per aver fondato da abate numerosi monasteri e chiese in Europa; è venerato come santo dalla Chiesa cattolica, dalle Chiese ortodosse e dalla Chiesa anglicana.
Grazie alle sue numerose fondazioni, contribuì alla diffusione in Europa del monachesimo irlandese. Stabilì una regola monastica che fu in seguito assimilata a quella benedettina e introdusse con il Paenitentiale l’uso della confessione privata in sostituzione di quella pubblica per il sacramento della penitenza.
Papa Benedetto XVI lo ha definito “santo europeo”. San Colombano stesso scrisse in una lettera che gli europei dovevano essere un unico popolo, un “corpo solo” che viene unito da radici cristiane in cui le barriere etniche e culturali vanno superate; usò anche per la prima volta l’espressione latina totius Europae
maggiori info e programma in pdf su http://www.archeobologna.beniculturali.it/mostre/bobbio_2015.htm

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi