Home > INTERVENTI > Il 25 Aprile è storia, memoria e cultura

Il 25 Aprile è storia, memoria e cultura

Tempo di lettura: 3 minuti

Da: Cristiano Zagatti, CGIL Ferrara

Il 25 Aprile un impegno per il bene comune

Il 25 Aprile è storia, è memoria, è cultura.
Il 25 Aprile è dovere etico.
Il 25 Aprile è scommessa di ieri sull’oggi e sul domani.
Il 25 Aprile è democrazia.
Il 25 Aprile è Costituzione.
Il 25 Aprile è libertà.
Il 25 Aprile è nascita di una Repubblica democratica, la nostra.
Il 25 Aprile siamo Noi.
Noi che abbiamo raccolto il testimone di donne e uomini pronti a riscattare se stessi e le future generazioni dal giogo della dittatura fascista.
Dalla pena di morte.
Dalle leggi razziali.
Dai campi di concentramento e di sterminio.
Dalla guerra.
Dal colonialismo.
Dalla violenza e dalla repressione squadrista.
Dall’esautoramento del Parlamento, svuotato di ogni funzione legislativa.
Dal controllo sulla stampa e sull’associazionismo.
Dal partito e dal sindacato unico, quello fascista.
Dal regime che organizza ogni aspetto della vita pubblica e privata: scuola, tempo libero, cultura e lavoro.
Alla base del 25 Aprile c’è tutta la nostra dignità di cittadine e cittadini, di persone, di essere umani.
Il 25 Aprile è Resistenza ad ogni forma di oppressione.
Il 25 Aprile è Festa di Liberazione, è lotta partigiana.
Il 25 Aprile è storia antifascista, di emancipazione politica, sindacale, operaia.
Il 25 Aprile è anche storia della CGIL come organizzazione capace di promuovere, insieme alle lavoratrici e ai lavoratori, il passaggio verso la democrazia e la realizzazione della successiva vita democratica.
La testimonianza più vivida nell’art. 1 della nostra Costituzione: “L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo…”
Per questo le parole ora e sempre resistenza servono ancora.
Per questo il 25 Aprile ogni anno ci permette di rinascere idealmente.
Per non perdere la strada.
Per ritrovarsi e restare umani.
La Resistenza ci ha consegnato la Costituzione.
Se c’è uno strumento che ci deve orientare dentro la crisi, per affrontare la “fase 2” è quel pezzo di Carta, nato dalla resistenza, dal 25 Aprile.
Se dessimo attuazione alla Costituzione avremmo un paese solido sul piano economico, sociale, politico e culturale, meno disorientato dentro alle crisi e più lucido nell’affrontare questa.
Un paese più capace di orientarsi su un altro modello di sviluppo.
Possibilmente sostenibile e in grado di immunizzarsi naturalmente da possibili emergenze sanitarie strettamente connesse con l’inquinamento ambientale.
Abbiamo tutto a disposizione, usiamolo.
Ora e Sempre Resistenza!
Buon 25 Aprile

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi