Home > IL QUOTIDIANO > Il buon libraio lo sa
libreria
Tempo di lettura: 3 minuti

Libreria bella Ci sono posti magici in cui vuoi sempre ritornare, luoghi che ti invitano a entrare e a rimanere. Luoghi dai quali non usciresti mai. Sono, per esempio, quelle piccole e curate librerie, spesso indipendenti, dove trovi una specie quasi estinta: il libraio che legge, quello che consiglia, quello che capisce in cosa ti vuoi immergere, in quale storia ti vuoi perdere, in quale pagina vuoi sognare.
Un legame empatico fra lui e il lettore è fondamentale, se poi sei un frequentatore assiduo di quello spazio quasi utopico e ormai difficile da immaginare (oltre che da trovare), il tuo libraio preferito sa subito dove dirigerti. Spesso in quel piccolo negozio si riuniscono anche gruppi: un momento e uno spazio dove un libro diventa tanti libri, tante letture, tante interpretazioni, tanti scambi e opinioni. Uno stesso volume, mille visioni. Perché ognuno è diverso, unico, originale e con la sua storia, bella o brutta, facile o difficile. Un po’ uno, nessuno e centomila anche qui.
Gli anglofoni convinti e incalliti parlano di book-coaching. Comunque lo si chiami si tratta di entrare in relazione, di dialogare. Quando si va in una libreria si cerca sempre un contatto, una storia che ci faccia sognare o dimenticare, magari capire. Se il libraio è attento, capirà se quello che cerchi è per te o per qualcun altro, potrà consigliarti qualcosa che vada incontro ai tuoi gusti e alle tue riflessioni, potrà aiutarti nel trovare una risposta a un quesito che ti disturba o ti inquieta. Sarà lui, o lei, a capire se alcune pagine potranno arrivare al momento giusto, se potrà guidarti nella ricerca dell’energia di cui hai bisogno. Non è facile sentire, percepire e reperire la connessione fra la persona e ‘il libro giusto’, che si tratti di adulti o bambini. Ma l’intuito di un bravo libraio è quasi magia. Molti libri lasciano qualcosa dentro che può arrivare a qualcuno e non a qualcun altro. Capirlo è un dono. Un buon libraio ce l’ha. Si chiama empatia. Spesso ognuno in un libro ci vede soprattutto quello che sta cercando per sé. Un buon libraio lo sa. Ci si può riunire leggendo pagine che hanno colpito e condividere con un gruppo di lettori attenti e curiosi la lezione o la morale o anche solo la sensazione che alcune parole hanno provocato. Ci si può riunire per capire come stare bene qualche ora solo con parole e pagine fitte, piene di esse, come poter passare una lunga domenica soli con sé stessi e le storie di personaggi in cui ci ritroviamo. Il buon libraio ci rende unici e creativi, ci conduce per mano lungo le viuzze colorate di un mondo fatato fatto di storie. Lui sa qual è la migliore per ciascuno di noi. Io ne ho trovati, di buoni librai.
Buona ricerca, allora!

Commenta

Ti potrebbe interessare:
DIARIO IN PUBBLICO
Sui rimedi alle tremende (e istruttive) volgarità televisive
BIBLIOTECHE AL TEMPO DELLA PANDEMIA
A ogni lettore il suo libro, a ogni libro il suo lettore
DI MERCOLEDI’
La musica di una vita
PRESTO DI MATTINA
La Bibbia: una storia di storie

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi