Home > COMUNICATI STAMPA > Il consorzio Cts di Ravenna vince il premio Ilta 2015 per la sollevazione di un ponte autostradale con un nuovo sistema innovativo

Il consorzio Cts di Ravenna vince il premio Ilta 2015 per la sollevazione di un ponte autostradale con un nuovo sistema innovativo

Tempo di lettura: 3 minuti

da: organizzatori

Cts vince il Premio Ilta 2015 nella categoria “innovazione sia in ambito operativo che per la sicurezza degli utilizzatori” grazie a un sistema che ha reso possibile la movimentazione e il posizionamento di un ponte autostradale senza l’utilizzo di autogru.

Un prestigioso riconoscimento in ambito nazionale per CTS, il consorzio di autotrasportatori con sede a Roncalceci, che si caratterizza da molti anni in ambito italiano e internazionale in virtù di significative performances nel settore dei trasporti eccezionali e delle movimentazioni industriali.
All’interno del Gis di Piacenza – le Giornate Italiane del Sollevamento – CTS ha ottenuto il prestigioso Premio Ilta (Italian Lifting & Transportation Awards) 2015, grazie all’innovativo sistema che ha permesso di sollevare e trasportare un cavalcavia autostradale (54 metri di lunghezza, 7 di larghezza, 340 tonnellate di peso) e di “appoggiarlo” nella sede definitiva, che scavalca l’A27 nei pressi di Casale sul Sile, in provincia di Treviso.
L’elemento di innovazione premiato sta nel fatto che il ponte non è stato posizionato, come normalmente accade in questi casi, tramite l’impiego di autogru: per evitare i possibili inconvenienti legati alla presenza contemporanea di diversi dispositivi di grossa portata, si è scelto di utilizzare – prima volta in Italia per questa tipologia di manufatti – un sistema di sollevamento composto da quattro torri idrauliche: le quali, opportunamente posizionate, hanno sollevato il viadotto fino all’altezza stabilita. A quel punto, sotto le torri sono stati inseriti i carrelli necessari per il trasporto dell’enorme manufatto dal punto di costruzione fino alla sede autostradale (distante poche centinaia di metri); raggiunta la posizione finale, si è ricorso nuovamente al sistema di cavallette idrauliche per abbassare il cavalcavia fino a fargli raggiungere la sua sede definitiva.
L’intera operazione ha richiesto un impegno significativo da parte dei tecnici e degli operatori del CTS: un paio di mesi di lavoro a livello progettuale, una decina di giorni “sul campo” per una squadra di cinque operatori, e l’esecuzione vera e propria svoltosi nell’arco di una notte – naturalmente con autostrada chiusa al traffico.
“Siamo molto contenti del riconoscimento ricevuto – sottolinea Marco Melandri, vicepresidente di CTS – perché premia il lavoro di costante ricerca di miglioramento sviluppato dal nostro staff. Un’attività che ha l’obiettivo di eliminare, o comunque ridurre al minimo, i rischi per gli operatori, migliorando la qualità dell’offerta tecnica e mantenendo contemporaneamente competitivo il prezzo degli interventi: quando, come in questo caso, riusciamo a trovare soluzioni il cui valore viene riconosciuto a livello nazionale, è davvero una grande soddisfazione!”.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi