Home > COMUNICATI STAMPA > Il critico cinematografico Paolo Micalizzi al Circolo Unione ha ripercorso la carriera professionale del regista ferrarese Massimo Sani

Il critico cinematografico Paolo Micalizzi al Circolo Unione ha ripercorso la carriera professionale del regista ferrarese Massimo Sani

Da: Circolo Unione Ferrara

Davanti a un pubblico molto numeroso e attento, e alla presenza della moglie signora Antonia Baraldi e del figlio maestro Valentino Sani, la sera del 21 ottobre 2018 il giornalista e amico di famiglia Paolo Micalizzi ha tratteggiato gli importanti traguardi professionali raggiunti da Massimo Sani nella sua lunga carriera di regista televisivo e di documentarista storico. Micalizzi sta completando un libro su Massimo Sani ed ha annunciato che la presentazione del libro è prevista a Ferrara nel gennaio 2019.
Al termine dell’intervento di Micalizzi hanno preso la parola la signora Antonia e il figlio Valentino esprimendo la propria gioia e soddisfazione per l’omaggio reso a Massimo Sani attraverso il ricordo della sua instancabile attività.

Massimo Sani – cenni biografici (da un articolo del figlio Nicola Sani)

Massimo Sani, regista televisivo e indiscusso maestro del documentarismo storico, è nato a Ferrara nel 1929. Dopo avere diretto la sede della Mondadori in Germania nella prima metà degli anni ‘60, si e’ trasferito a Roma dove ha sviluppato tutta la suacarriera presso la RAI. Autore televisivo tra i più noti, si è
particolarmente dedicato alle grandi inchieste sulla Seconda Guerra Mondiale, firmando autentici capolavori del documentarismo storicotelevisivo tra cui i cicli “Italia in Guerra”, “Ieri la guerra, oggi la pace”, “La guerra dimenticata”, “Prigionieri” (sulle vicende dei prigionieri italiani nella seconda guerra mondiale, da cui è stato tratto un volume pubblicato dalla ERI). E’ stato inoltre autore dell’originale televisivo “La guerra al tavolo della pace”, incentrata sulle conferenze dei Grandi dopo la Seconda Guerra Mondiale, una delle prime realizzazioni di teatro-inchiesta a sfondo storico della televisione italiana. Giornalista professionista, Massimo Sani ha scritto per numerose testate ed è stato inviato speciale delle reti giornalistiche televisive della RAI. Da sempre impegnato per la difesa dei diritti degli autori cinematografici e dell’audiovisivo,
Massimo Sani è stato a lungo membro del direttivo dell’ANAC(Associazione Nazionale degli Autori Cinematografici) e ha contribuito in maniera determinante allo sviluppo della normativa sul diritto d’autore in Italia e in Europa. Tra i maggiori esperti di questioni legate al mondo tedesco e alla storia della Germania,Massimo Sani ha collaborato con la Bayerische Rundfunk, firmando importanti documentari sul periodo nazista quali “Arte al rogo”,sulla cosiddetta “Arte degenerata” e “L’ineffabile realtà” sulla letteratura d’avanguardia italiana del dopoguerra. Per le sue produzioni in Germania e per tutta la sua intensa attività in favore del rapporto tra la cultura italiana e quella tedesca, è stato insignito, nel 2016, dal Presidente della Repubblica Tedesca della Gran Croce al merito di Germania.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi