Home > GERMOGLI - l'aforisma della settimana > Il declino del linguaggio
Shares

Le cause sono ben note. Prima l’avvento degli sms, poi l’uso massiccio dei social e di tutto ciò che consente una comunicazione immediata, hanno pervaso a tal punto la vita delle persone che l’uso della lingua italiana si è dovuto piegare: piegare al diktat della comunicazione veloce, ultra rapida, per cui non c’è più tempo per formulare una frase lunga, un pensiero articolato, per scegliere il termine più adatto all’occasione.
E allora via con concetti ridotti, un lessico banale se non addirittura inappropriato, ed un vocabolario dei sinonimi praticamente inesistente. Se non è bello è brutto, se non è buono è cattivo. Si sono perse le sfumature, la varietà, il piacere di saper tradurre il nostro pensiero in parole che lo sappiano fedelmente riprodurre.
Ma il circolo vizioso che si è innescato è tristemente pericoloso: il parlare stringato rende stringato anche il pensiero.

“Un popolo comincia a corrompersi quando si corrompe la sua grammatica e la sua lingua.”
Octavio Paz

Una quotidiana pillola di saggezza o una perla di ironia per iniziare bene la settimana…

Commenta

Ti potrebbe interessare:
I DIALOGHI DELLA VAGINA
Comunicare a distanza: il pensiero dei lettori
LA CITTA’ DELLA CONOSCENZA
Come un libro aperto
Ka mate, Ka ora: il cerchio della vita dei Māori
LA CITTA’ DELLA CONOSCENZA
Esercizi di stile

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi