23 Gennaio 2016

IL DIBATTITO
La nostra ambigua Sinistra avulsa dalla realtà

Riceviamo e pubblichiamo

Tempo di lettura: 7 minuti

di Giuseppe Fornaro

Esiste la sinistra italiana? Possibile? Forse in un’altra Europa. Qui in Italia non risulta pervenuta. La vediamo sui giornali, in televisione nei talk show, sulle riviste patinate, ma non lì dove dovrebbe essere. Davanti le fabbriche, sempre più numerose quelle che chiudono, davanti gli uffici, le scuole, tra i senza tetto, i senza lavoro, i giovani. E se c’è è solo per le foto di rito. Sentiamo il suo vociare, i suoi comunicati stampa, sentiamo le dichiarazioni sempre contro qualcosa, la sentiamo, molto, perché è una sinistra ciarliera, e cialtrona. Eppure in Grecia e Spagna la sinistra avanza, stravince, perché non qui? Perché la sinistra o sa coniugare gli ideali con la prassi quotidiana oppure non è. Syriza in Grecia ha trionfato perché in questo ultimo decennio di crisi economica cha ha gettato letteralmente nella fame ampie fasce della popolazione ellenica, quel partito ha saputo stare concretamente accanto alle persone, ha saputo accoglierne la sofferenza con atti concreti, oltre che con un progetto politico, ha organizzato ambulatori popolari con medici volontari che curavano gratuitamente le persone bisognose; ha organizzato mense per chi non riusciva a mettere insieme il pranzo con la cena e nemmeno il pranzo con il pranzo del giorno dopo. Essere di sinistra, appunto, essere, è una prassi, non un bagaglio ideologico o concettuale da sbandierare, un insieme di belle frasi buone per colpire l’uditorio, un bagaglio di buone letture. Certo servono, ma non ci fanno diversi da altri. È esserci lì dove sono le contraddizioni. Essere crogiuolo dei bisogni per dare loro un senso di valori, incanalarli in un progetto di cambiamento, per far sì che la propria diversità sia riconosciuta nella prassi quotidiana. Essere per la giustizia essendo giusti. Essere per l’eguaglianza praticandola. A Ferrara, per restare nel nostro piccolo recinto, conosco un solo medico di sinistra, di cui non farò il nome per rispettarne la privacy, che presta la sua opera volontaria per curare gratuitamente i cosiddetti ultimi. Ma si tratta di una scelta personale, individuale.
Essere giusti vuol dire non cincischiare di fronte all’ipotesi di licenziamento in 48 ore dei dipendenti pubblici infedeli e truffatori, tanto per fare solo un esempio preso dagli ultimi fatti di cronaca. Di fronte all’evidenza dei fatti 48 ore sono pure troppe perché uno che timbra in mutande e torna a letto, o uno che va a fare canotaggio in orario d’ufficio sta truffando la collettività che gli paga lo stipendio, dunque tutti noi che siamo il suo datore di lavoro, sta truffando i colleghi che dovranno farsi carico anche del loro lavoro e i cittadini che come utenti della pubblica amministrazione si attendono delle risposte celeri che invece non arrivano anche per queste prassi disoneste. Allora, di fronte a questi fatti non si possono usare le mezze frasi, i “sì, però…”, “sì, ma il codice civile…”, “sì, ma ci sono già le leggi…”. No! Bisogna essere giusti e dire senza mezzi termini che questa gente deve essere licenziata. Anche perché poi, quella stessa gente quando andrà a votare, voterà chi la rappresenta meglio, voterà chi è simile a sé. E allora smettiamola di gettare fango sulla casta disonesta dei politici, perché nelle istituzioni quei politici ce li hanno mandati quelle stesse persone disoneste che spesso godono di connivenze. Per fare pulizia della casta bisogna fare pulizia delle tante piccole caste e privilegi in cui hanno gioco facile i disonesti e i truffatori. Duole sentire prese di posizione prudenti di esponenti sindacali come Camusso, segretario della Cgil a cui sono iscritto. Basta con le mezze frasi! Le persone ci riconoscono se siamo in grado di essere chiari, non ambigui, di dire senza timore da che parte stiamo. E dire che si deve licenziare in 48 ore non vuol dire stare con Renzi, ma stare dalla parte della giustizia. Chi pensasse il contrario o è stupido o è in mala fede. Oppure è entrambe le cose.

L’etica del lavoro e nel lavoro un tempo era parte costitutiva dell’identità dell’essere di sinistra. Ma oggi parlare di etica, a qualsiasi livello, è considerata alla stessa stregua di una bestemmia in chiesa.
Non voglio tirare Papa Francesco per la tonaca, ma per il concetto di sinistra come la intendo io, è l’unico che sa far seguire le azioni alle parole. Un Papa che fa costruire delle docce sotto il colonnato del Bernini, che è già di per sé un’opera d’arte, a beneficio dei senza tetto, che fa aprire dei dormitori, che apre la porta santa del Giubileo nel posto più sperduto e sofferente del mondo è un esempio concreto che il consenso le persone sono disposte a darlo a chi dimostra coerenza. E infatti, Papa Francesco è ormai un leader mondiale riconosciuto.

Per tornare alla sinistra, temo che Renzi continuerà a stravincere (infatti i sondaggi gli danno costantemente ragione) perché lui è un altro che alle parole fa seguire spesso le azioni e con questa sinistra ha gioco facile. Si può essere d’accordo con lui o meno, e io non lo sono su molte cose, ma gli va riconosciuto che fa quello che dice. Poi, può non piacere, ma è questo che lo rende riconoscibile, che lo fa credibile. A chi è credibile perché coerente le persone sono disposte ad accordare la propria fiducia. Fiducia. Un’altra parola che si è persa ormai. O meglio, è un sentimento che si è perso. Per lo meno io l’ho perso nei confronti della cosiddetta sinistra per averla conosciuta molto da vicino nella mia vita. Tra le ultime esperienze annovero quella della lista Valori di sinistra alle passate amministrative di cui sono stato candidato sindaco e che per me, cane sciolto senza tessera di partito, ha avuto più il significato di volerci mettere la faccia in una sfida che era soprattutto impegno civico. Ma non è da questa esperienza recente che viene la mia sfiducia, sarebbe ben misera cosa e sospetta di essere originata da acrimonia, ma è radicata nelle considerazioni più profonde che facevo più sopra e da una lunga militanza. E del resto cos’è la fiducia? Secondo lo Zingarelli è un “Senso di sicurezza che viene dal profondo convincimento che qualcuno o qualcosa siano conformi alle proprie attese e speranze”. Ecco, non trovo nella sinistra, comunque si chiami, questo essere conforme. E non solo alle mie di attese e speranze.
Speranza, un altro sentimento che molti in questo Paese stanno perdendo. Ed è proprio sulla speranza di riscatto dei più deboli che storicamente la sinistra ha saputo costruire programmi politici di governo di lungo periodo. Ha saputo avere una “visione”, come si suol dire. Ora manca questa visione. L’azione politica della sinistra si riduce al contrasto quotidiano e alla polemica nei confronti dei propri avversari. Si sprecano energie a ribattere alle posizioni degli altri, piuttosto che a costruire un progetto perché questo, oltre ad essere più faticoso, fa conquistare meno titoli di giornale nell’illusione che ciò serva a costruire il consenso. I fatti danno drammaticamente torto a questa idea, con una sinistra ridotta ai minimi termini e non certo per colpa del sistema elettorale, ma semmai per l’incapacità di lavorare affinché la speranza diventi un percorso e un progetto di governo concreti.

P.S. Non ho citato il M5S perché non lo annovero nemmeno tra i possibili soggetti di cambiamento, giusto per non essere sospettato di simpatie grilline. Mi darebbe fastidio!



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

Ti potrebbe interessare:

  • fiume bambini pesca alberi

    Agosto 1959 – Gli zufoli di Sambuco

  • La lingua corrotta della campagna elettorale

  • I SIMBOLI ELETTORALI SONO 101
    ma milioni di italiani restano senza rappresentanza

  • Per certi versi /
    La pineta di Volano

  • L’Angelo della conoscenza

  • PRESTO DI MATTINA /
    Una casa nella tua casa

  • La Fiamma

  • Le storie siamo noi

  • esperto, sapiente, lettore accanito

    Il Governo dei Migliori e i Migliori tra i docenti.
    La grottesca lotteria inventata dal ministro Bianchi.

  • PENSARE COME UN ALBERO
    Vita (d)alla finestra

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi