Non è raro durante un’uscita tra amici capirsi con un semplice sguardo o gesto.
La forza che delinea la comunicazione non verbale sta proprio nella sua rapidità: il messaggio arriva al suo destinatario nell’immediato.
Diamo segnali ben precisi anche sul nostro stato d’animo attraverso la postura, le espressioni del viso e altri segnali come per esempio la sudorazione. In questi casi nascondere uno stato di agitazione diventa problematico…
In tale ambito è interessante notare come ognuno di noi gestisce lo spazio che lo circonda ovvero il cosiddetto “sistema prossemico”: quanto ci avviciniamo ad una persona durante una conversazione e quanto cerchiamo il contatto fisico. Chiaramente il grado di conoscenza della persona con la quale ci stiamo relazionando influenza profondamente tali scelte e l’adesione o meno a determinate norme sociali che possono prevedere anche una semplice stretta di mano.

“La cosa più importante nella comunicazione è ascoltare ciò che non viene detto.”
Peter Drucker

Una quotidiana pillola di saggezza o una perla di ironia per iniziare bene la settimana…

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Le personalità invisibili
LA CITTA’ DELLA CONOSCENZA
L’era dell’incompetenza e i rischi per la democrazia
I DIALOGHI DELLA VAGINA
A DUE PIAZZE – Lapsus rivelatori e sguardi complici: due lettori si confessano
LA CITTA’ DELLA CONOSCENZA
Dagli Achei agli Ikei

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi