COMUNICATI STAMPA
Home > COMUNICATI STAMPA > Il direttore generale Anbi Gargano: “Non si può continuare a lucrare sullo scempio del territorio”

Il direttore generale Anbi Gargano: “Non si può continuare a lucrare sullo scempio del territorio”

Tempo di lettura: 2 minuti

da: ufficio stampa A.N.B.I.

Con una semplice cerimonia, Associazione Nazionale Bonifiche e Irrigazioni (A.N.B.I.) ed Unione Regionale Bonifiche Toscana (U.R.B.A.T.) hanno premiato, a Firenze, l’Amministrazione Comunale di Calenzano, risultata la più efficiente in Italia nell’utilizzo dei fondi destinati alla salvaguardia idrogeologica; il riconoscimento consiste simbolicamente in un modellino di escavatore.
“Il nostro piccolo gesto – commenta Massimo Gargano, Direttore Generale dell’Associazione Nazionale Bonifiche e Irrigazioni – non solo vuole sottolineare come la convergente volontà di Comune e Consorzio di bonifica Medio Valdarno abbia preservato la comunità da qualsiasi conseguenza del recente maltempo, ma è un’implicita risposta a chi, approfittando di un momento di evidente criticità nell’equilibrio ambientale del Paese, lancia subdolamente neologismi come “decostruire” nelle zone a rischio per ricostruire altrove. Ciò evidentemente significherebbe cementificare ulteriore suolo, aumentando il rischio idrogeologico. Pur salvaguardando il diritto ad una casa, ciò che è o era abusivo, e che mette continuamente a rischio la vita dei cittadini, le attività economiche, l’occupazione, perché costruito in zona non conforme, va abbattuto; l’Italia non ha certo bisogno di ulteriore cemento. La strada da percorrere, invece, è quella indicata dalla Regione Lombardia con l’innovativa legge contro il consumo del suolo e non certo, invece, nel tentativo di reintrodurre la possibilità per i Comuni di utilizzare gli oneri di urbanizzazione per la spesa corrente; ben sapendo in quale stato versano i bilanci degli enti locali – conclude Gargano – significa fornire un giustificatissimo alibi alla cultura che vuol continuare ad urbanizzare il territorio, spesso in maniera sconsiderata come dimostrato dallo stato, in cui oggi versa.”

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi