Home > INCHIESTE & ANALISI > ALTRI SGUARDI > IL DOSSIER SETTIMANALE
Luci e ombre della politica

13.531 letture al 27 agosto 2016 (Pubblicato il 12 giugno 2016)

Domenica prossima in molte città si torna alle urne, stavolta per l’elezione dei sindaci. I votanti, però, sono sempre meno e sempre meno convinti. A generare sfiducia concorrono la percezione del corpo politico come casta separata e autoreferenziale, i fenomeni di corruzione, l’incapacità di fornire risposte adeguate ai problemi delle comunità e più in generale la carenza di progettualità, ossia di visioni organiche e articolate del modello di organizzazione e sviluppo della società, ormai desolatamente prive dell’imprescindibile impianto valoriale che dovrebbe ispirarle e coerentemente guidarne la realizzazione. Insomma, assistiamo da molto tempo a un appiattimento della politica su pratiche amministrative di piccolo cabotaggio, orfane di quell’orizzonte ideale che costituisce il solo propellente in grado di accendere l’autentica passione e attivare l’impegno responsabile di ciascuno, di fornire solide motivazioni a ogni cittadino per mobilitarsi e contribuire con slancio al processo di crescita del contesto sociale di cui tutti siamo partecipi.

Alla politica abbiamo deciso di dedicare il primo numero tematico del settimanale che Ferraraitalia proporrà per tutto il corso dell’estate. “Luci e ombre della politica” è il titolo che abbiamo scelto perché, accanto alle miserie, vogliamo anche segnalare i meriti di chi ancora nobilita il senso dell’impegno civile. Attorno a questo nucleo abbiamo raccolto una selezione dei migliori articoli pubblicati sul nostro giornale a partire dal 2013.
Ogni domenica rinnoveremo la proposta, selezionando di volta in volta temi attuali da investigare, sperando di fornire così a voi lettori utili e stimolanti spunti di riflessione. Buona lettura. (s.g)

 

La foto “Luci e ombre” è di Ileana Cafarelli

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Maggioritario o proporzionale? I casi e la storia
INTERNAZIONALE A FERRARA 2019
L’unione fa la… rivoluzione
Il ritorno della Modern Monetary Theory, l’Europa forse ci ripensa
La mossa della Bce

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi