Home > IMMAGINARIO - La foto della settimana > Il fascino senza tempo di Piazza Ariostea

Il fascino senza tempo di Piazza Ariostea

Tempo di lettura: < 1 minuto

di Francesca Ambrosecchia

Il sole sta tramontando. Non si sente più la musica provenire da alcuni gruppetti di ragazzi o le urla dei bambini che si rincorrono.
Il sole è sparito, si intravede la sua luce solo oltre i tetti delle case che circondano la piazza e la temperatura inizia ad abbassarsi.
Piazza Ariostea si è praticamente svuotata: è strano, diverso ma anche bello vederla così.
Forse perché è senza dubbio uno dei luoghi di maggior ritrovo della nostra città: pullula di persone di tutte le età, da chi decide di camminare lungo il suo ovale a chi si siede sull’erba o sulla famosa statua dell’Ariosto, a chi vi si trova solamente di passaggio. Lo stesso Biagio Rossetti, suo architetto, l’aveva concepita come punto di incontro dell’Addizione Erculea e questo lo è tutt’ora. Si trattava di un punto molto strategico per i commerci poiché concepito come collegamento tra la città vecchia e quella nuova.
Molto probabilmente, la vita al suo interno tornerà nel post-cena: nella piazza che nel gergo giovanile è conosciuta come “P.Rio”.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
La nebbia
FUTURO SOSTENIBILE
“LE CITTA’ SIANO IL FULCRO DELLA RIPARTENZA POST COVID”
Il rapporto Legambiente 2020
DIARIO IN PUBBLICO
Imitazione e verità
Moni Ovadia, perché Ferrara?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi