COMUNICATI STAMPA
Home > AVVENIMENTI > IL FATTO
Ferrara vice reginetta
del risparmio in Emilia Romagna

IL FATTO
Ferrara vice reginetta
del risparmio in Emilia Romagna

supermercati
Tempo di lettura: 3 minuti

Dopo Rimini, è Ferrara la città più economica dell’Emilia Romagna per gli acquisti nelle catene della grande distribuzione. La geografia del risparmio e le dinamiche concorrenziali nella grande distribuzione sono state tracciata anche quest’anno dall’associazione Altroconsumo. L’indagine ha preso in esame 68 città di tutta Italia. Tra alimentare fresco e confezionato, igiene per la persona e per la casa sono 6.356 gli euro a famiglia spesi in media in un anno. A Ferrara, ventiseiesima in graduatoria, la spesa risulta essere di 6.325 euro, rispetto ai 5.876 euro di Treviso (prima) e ai 6.731 di Reggio Calabria, ultima. In regione, dopo Rimini diciannovesima e Ferrara, c’è Modena trentaseiesima. Dai dati emerge come il risparmio per una famiglia che scegliesse di fare la spesa al discount può arrivare anche a 3.500 euro.

L’inchiesta su super, iper e hard discount fornisce un’istantanea dettagliatissima: 1.031.562 prezzi rilevati su 108 categorie merceologiche, 909 punti vendita passati al setaccio.
Nel confronto tra regioni il Veneto emerge come il territorio dove la concorrenza gioca un ruolo virtuoso e efficace per le tasche del consumatore; su un carrello di spesa fatto di prodotti di marca è Treviso a risultare la città più conveniente, tra tutte le 68 della classifica. Territorio altrettanto dinamico la Toscana, con Firenze e Pistoia al secondo e terzo posto. Altra regione dove si spende meno che nella media italiana per l’acquisto dei prodotti in super, iper e hard è il Piemonte.

Altroconsumo fornisce anche qualche regola generale e qualche consiglio di buon senso per aiutare a ridurre le spese inutili. Consigli semplici, anche di buon senso: controllare quello che manca, stilare una lista della spesa e attenersi a quella; consultare il dépliant del supermercato può essere un’opportunità, ma attenzione a non farsi abbagliare dalle offerte; comprare i prodotti in offerta se rientrano nella lista o se sono particolarmente convenienti rispetto alla spesa abituale; per i deperibili il risparmio consiste anche nel comprare solo ciò che si è sicuri di consumare per tempo; fare scorta di prodotti in offerta ma solo se si tratta di articoli che si consumano con regolarità e non deperibili; confrontare i prezzi al chilo o al litro, non a confezione. Di solito i prodotti meno cari sono in basso o in alto, non ad altezza occhi.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
DI MERCOLEDI’
La macchina del vento
PRESTO DI MATTINA
Si sta come coppi sui tetti
DIARIO IN PUBBLICO
Ce l’hai la tessera?
ITALO BALBO TRASVOLATORE IN MOSTRA:
la storia ridotta ad agiografia

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi