COMUNICATI STAMPA
Home > ALTRI SGUARDI > IL FATTO
Franceschini a Mosca: diplomazia culturale e una fiction tv su Michelangelo

IL FATTO
Franceschini a Mosca: diplomazia culturale e una fiction tv su Michelangelo

franceschini-mosca-diplomazia-culturale
Tempo di lettura: 3 minuti

da MOSCA – Dopo la visita di Matteo Renzi lo scorso 5 marzo, il ministro dei Beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini, ha incontrato ieri mattina a Mosca Il suo omologo della Federazione Russa, Vladimir Medinsky. Oltre a fare il punto sugli oltre duecento progetti bilaterali realizzati negli ultimi anni, si è discusso della firma della dichiarazione sulla cooperazione in materia di turismo per gli anni 2015-2017, utile all’incremento degli scambi tra gli operatori turistici dei due Paesi e alla crescita dei reciproci flussi turistici anche attraverso la creazione e la promozione di nuovi itinerari culturali. Ricordiamo, ad esempio, che, nel 2011, si era celebrato l’anno dello scambio culturale e linguistico tra i due Paesi e che, agli inizi di settembre 2013, aveva preso il via l’anno del turismo “incrociato” italo-russo (il 2014, ha registrato un milione e 300 mila di visitatori russi in Italia e circa 200 mila italiani in Russia). Una collaborazione, dunque, che va avanti da anni, tanto nel settore del turismo ma non solo.
La cultura unisce molto i due Paesi, da sempre. I ministri, infatti, si sono soffermati sulle possibili collaborazioni in ambito culturale (comprese istituzioni musicali) e hanno condiviso possibilità e volontà di realizzare coproduzioni cinematografiche a partire da un progetto che coinvolgerà la Rai e la televisione di Stato russa nella realizzazione di un lungometraggio su Michelangelo Buonarroti. La possibilità di collaborazioni tra musei per la realizzazione di scambi e iniziative già nel 2015 è stata altresì discussa. Si è parlato, ovviamente, anche di Expo 2015, del padiglione russo e del sito web ‘La tua Italia’ che inizia ad avere una versione anche in cirillico [vedi].
Nel pomeriggio Franceschini ha incontrato il vice ministro della Cultura della Federazione russa con delega ai musei, Elena Borisovna, e i direttori dei principali musei russi, tra i quali Mikail Petrovsky (Ermitage di San Pietroburgo), Marina Loshak (Museo Pushkin di Mosca), Zelfira Tregulova (Galleria Tretyakov di Mosca), Aleksey Levkin (Museo storico statale di Mosca), Vassily Tsereteli (Museo di Mosca dell’Arte contemporanea) e O. Y. Mironova (Museo del Cremlino). I direttori hanno manifestato attenzione e apprezzamento per la riforma del sistema museale statale italiano e per le opportunità di collaborazione tra Italia e Russia rese possibili dalle nuove norme sul mecenatismo culturale introdotto con la legge Art Bonus, un modello che pare piacere molto in Russia. L’Italia, ha detto il Ministro, “deve riuscire a utilizzare la propria enorme credibilità nel settore della cultura anche come strumento di relazioni e di diplomazia”. E di diplomazia culturale parleremo presto, e meglio.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
IL VIAGGIO DI VALENTINA (4)
La Grande Russia
deserto dei gobi
IL VIAGGIO DI VALENTINA (3)
in Mongolia
Quel filo spinato che ci avvolge
mentre l’Europa delle parole va in fumo
Vito Mancuso
Il peso dell’uguaglianza

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi