Home > COMUNICATI STAMPA > TRENO, BICI E TURISMO SOSTENIBILE
Il GAL DELTA 2000 approva 5 progetti per interventi nelle piccole stazioni ferroviarie

TRENO, BICI E TURISMO SOSTENIBILE
Il GAL DELTA 2000 approva 5 progetti per interventi nelle piccole stazioni ferroviarie

Tempo di lettura: 4 minuti

Da: DELTA 2000 

Le stazioni ferroviarie sono luoghi di passaggio non solo dei cittadini, ma anche di turisti e soprattutto nella visione strategica di organizzare il Delta del Po come una Destinazione per il turismo sostenibile, i collegamenti ferroviari connessi con altri mezzi (bici, bus ecc.) dovrebbero essere potenziati al fine di migliorare l’accessibilità con mezzi eco-sostenibili.
Migliorare gli ambienti delle piccole stazioni ferroviarie, diffuse nel territorio e a pochi km da ambienti straordinari, significa valorizzarle anche come punti di informazione del territorio e sui suoi servizi.
Con questi obiettivi il GAL DELTA 2000 ha emesso un bando a favore degli Enti Pubblici (Azione specifica Leader 19.2.02.2.B in attuazione della Misura 19 “Sostegno dello sviluppo locale LEADER” del Piano di Sviluppo Rurale 2014-2020 della Regione Emilia-Romagna.) per finanziare interventi pilota di miglioramento e di allestimento delle stazioni ferroviarie per farle diventare punti informativi sul territorio circostante e con informazioni sui collegamenti dalla Stazione per le varie destinazioni turistiche del Delta del Po e sulle loro opportunità di fruizione in barca, bici e con mezzi pubblici. In particolare i progetti da realizzare rappresentano esempi pilota dimostrativi attuati sulla base delle proposte vincitrici del Concorso di idee per la qualificazione delle stazioni ferroviarie dell’area Leader del Delta del Po parte emiliano-romagnola. Dai Comuni di Bagnacavallo, Conselice e Fiscaglia partono percorsi che consentono di visitare in bicicletta il Parco del Delta del Po, riconosciuto come Riserva MAB (Mand Biosphere) della Biodiversità dall’UNESCO, privilegiando pertanto mezzi eco-sostenibili.

I progetti presentati e tutti finanziati, per un importo complessivo di 100.000,00 € a fondo perduto finanziato al 100%, sono:
Nella tratta ferroviaria che collega Bologna a Ravenna, alla fermata di LAVEZZOLA il Comune di CONSELICE ha proposto un progetto sulla stazione di Lavezzola che prevede interventi sull’area esterna con un’installazione per postazione video che mostrerà le eccellenze con immagini e informazioni sul territorio oltre che una mappa dell’area Leader del Delta del Po e le informazioni sulle specie migratorie tipiche del Delta, verrà inoltre allestito uno spazio per le biciclette e una colonna di ricarica per bici elettriche;
il COMUNE DI BAGNACAVALLO, sempre nella tratta Bologna-Ravenna: nella stazione del Comune prevede la realizzazione di decorazioni con sagome di uccelli del Delta del Po nella sala d’attesa e all’esterno, oltre al posizionamento di totem informativi sulle destinazioni turistiche raggiungibili; propone inoltre l’installazione di una “cabina” con elementi tecnologici multimediali e punto per la custodia e ricarica delle biciclette elettriche;
il COMUNE DI FISCAGLIA: ha presentato 3 progetti che prevedono la valorizzazione di 3 stazioni: Migliarino, Migliaro, e Massa Fiscaglia situate lungo la linea ferroviaria Ferrara-Codigoro. Il progetto dal titolo “Incro-stazioni” conferisce alle stazioni una funzione nuova, quella di snodo del turismo sostenibile legato al Delta e cerca di introdurre elementi che, seppure realizzati in edifici tutti simili tra loro, tenda a differenziarli e a “identificarli” con un colore diverso: ogni giardinetto-sala d’attesa delle stazioni sarà ri-pavimentato e dotato di una pergola in legno ombreggiante con sedute, cestini e griglie porta-bici oltre che a cartelli informativi del Parco.

Si prevede la realizzazione effettiva dei progetti entro la prossima primavera/estate con l’auspicio che possano diventare parte integrante del paesaggio del Delta del Po e luoghi identificativi di accesso come Porte del Parco del Delta del Po.

Alcuni esempi di percorsi sostenibili che possono essere realizzati in modalità intermodale (treno, bici, barca) che partono dalle stazioni ferroviarie finanziate: Da Bagancavallo si snoda il percorso lungo il fiume Lamone Un percorso di 35 km una via d’acqua da percorrere lentamente scoprendo le bellezze di un territorio unico: la pianura rigogliosa, le valli bonificate, le lagune salmastre, la secolare Pineta di San Vitale, la foresta allagata di Punte Alberete – popolata da importanti specie di avifauna acquatica – fino a raggiungere la suggestiva duna costiera della foce del fiume, arrivando alla Pialassa della Baiona e proseguendo lungo la ciclabile da Marina Romea si arriva a Ravenna attraversando le località marine dei lidi nord ravennati.
Fiscaglia è una delle tappe del percorso lungo l’itinerario del Po di Volano che parte da Ferrara e attraversa Fiscaglia – Codigoro – Ostellato-Pomposa-Mesola con la possibilità di percorrere la ciclabile sino a Goro da dove partono itinerari in barca nella Sacca di Goro, visitare l’isola dell’amore, e volendo si può rientrare su Ferrara sulla tratta ciclabile Destra Po o prendere la ciclabile che va verso Comacchio, città dei Trepponti e del birdwatching.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
treno-in-fiore-primavera-trenitalia-stazione-ferrara-stefano-pavani
IMMAGINARIO
Treninfiore.
La foto di oggi…
treno-Lavori-costruzione-binari-linea-ferroviaria-Ferrara-Suzzara
IMMAGINARIO
125 anni in treno.
La foto di oggi…
lampo-viaggiatore
LA STORIA
Lampo, vita di un cane viaggiatore

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi