Home > INCHIESTE & ANALISI > ALTRI SGUARDI > Il Lavoro Intelligente
Tempo di lettura: 7 minuti

keep-calm-and-work-smart-20Lo aveva già annunciato (e iniziato ad applicare) Barilla, oggi arrivano Unicredit e le altre. Una rivoluzione nel mondo del lavoro resa possibile anche grazie alla nuova normativa (il Ddl “Lavoro autonomo e smart working”, approvato a fine gennaio 2016): lavorare da casa invece che in ufficio, almeno in parte. Non parliamo di telelavoro (altra cosa e ‘papà’ del lavoro agile), ma di una “modalità flessibile di esecuzione del rapporto di lavoro subordinato allo scopo di incrementare la produttività e agevolare la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro”: lo smart working o lavoro agile. Se il telelavoro prevede una postazione remota fissa, dalla quale il lavoratore effettua sempre la sua prestazione, il lavoro agile coniuga lavoro da remoto e libertà di scelta su sede, strumenti e connettività.

Il testo normativo detta anche i confini di tale ‘lavoro agile’, definito come quel lavoro che può essere svolto in parte all’interno dei locali aziendali e in parte all’esterno, seguendo però gli orari previsti dal contratto di riferimento e prevede l’assenza di una postazione fissa durante i periodi di lavoro svolti all’esterno dei locali aziendali. Un accordo fra datore di lavoro e lavoratore da stipularsi per iscritto, pena la sua nullità. Le tutele del lavoro ‘normale’ sono mantenute. Il trattamento economico e normativo, infatti, non deve essere inferiore a quello complessivamente applicato ai lavoratori che svolgono le stesse mansioni all’interno dell’azienda. Anche gli incentivi di carattere fiscale e contributivo (per esempio i premi) riconosciuti in caso di incremento di produttività ed efficienza del lavoro sono applicabili anche ai lavoratori ‘agili’.  Sono individuati i tempi di riposo del lavoratore e introdotte norme per la protezione dei dati e la riservatezza (il datore di lavoro deve adottare “misure atte a garantire la protezione dei dati utilizzati ed elaborati dal lavoratore che svolge la prestazione lavorativa in modalità di lavoro agile”, mentre il lavoratore deve custodire con diligenza gli strumenti tecnologici messigli a disposizione ed è responsabile quindi della riservatezza dei dati cui può accedere). Non fa eccezione la sicurezza: il datore deve garantire salute e sicurezza a chi svolge questo tipo di prestazione. Annualmente deve, pertanto, consegnare al lavoratore un’informativa scritta nella quale sono individuati i rischi generali connessi al tipo di lavoro. Il lavoratore ha diritto alla tutela contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali ed è tutelato contro gli infortuni sul lavoro che possono avvenire durante il normale percorso di andata e ritorno dal luogo di abitazione a quello scelto per lo svolgimento della prestazione lavorativa al di fuori dei locali aziendali.

Mobile e smart working sono ormai le parole chiave del lavoro in questi tempi moderni. Complice la diffusione sempre più ampia della flessibilità e la crescente consapevolezza delle aziende dei suoi vantaggi in termini di soddisfazione e produttività. Ormai molte aziende, con analisi e studi dedicati, hanno compreso che lavorare da casa aumenta tale produttività. Si è anche stabilito che circa il 40% delle funzioni lavorative presenti nelle aziende è potenzialmente smart, ma che, in realtà, solo l’1% applica effettivamente tale modalità. Nello smart working l’ufficio resta il luogo in cui si incontrano colleghi e clienti (spazio di riunione, condivisione, pianificazione), ma Il lavoro quotidiano si svolge in ‘mobilità’, ossia da casa o da dove meglio ‘si produce’. Le tecnologie adottate per lavorare si utilizzano in modalità Byod (Bring-your-own-device). Fulcro di questo modello organizzativo, l’accessibilità di programmi di lavoro e dati aziendali sempre e ovunque, possibilmente da qualsiasi device e con qualsiasi sistema operativo. I pilastri di questa modalità lavorativa? Smart people, luoghi e tecnologia. Per le persone conta molto il fattore culturale, che presuppone la capacità di lavorare in un contesto organizzativo innovativo, che riconosce flessibilità, libertà di scelta e responsabilità, cambiando i rapporti fra colleghi e fra il capo e la sua squadra, con il passaggio da un modello di controllo a uno basato sulla valutazione dei risultati. Servono fiducia e responsabilità, non sempre di facile applicazione nel modello italiano (!). Quanto ai luoghi, se l’ufficio resta il luogo d’incontro dove prevedere strutture adeguate e la casa può essere il luogo alternativo per di attività quotidiana se dotata delle necessarie tecnologie, l’ideale sarebbe puntare su spazi cittadini con uffici e postazioni in co-working, in ambienti tecnologicamente adeguati (isole digitali, wi-fi libero). Quanto alla tecnologia, infine, i paradigmi fondamentali sono lavorare a distanza e accessibilità dei dati da qualsiasi device e sistema operativo. Servono mobilità (in chiave Byod) e collaborazione (chat, strumenti di condivisione), visto che il 70% dei dati aziendali riguarda posta elettronica, calendario, contatti, attività e note, tutti strumenti che sottintendono la condivisione. Importante è anche la sincronizzazione, ovvero la possibilità di inserire una volta sola i dati (da condividere attraverso server su tutti i pc e i device). Il tutto, senza perdere di vista la sicurezza. Il ricorso a tecnologie smart in sintesi si deve tradurre in soluzioni Cloud, applicativi accessibili da qualsiasi browser, protocolli di riservatezza e sicurezza, standard di compatibilità, strumenti di backup, disaster recovery. Grande sforzo tecnologico, insomma, in un mondo moderno che corre e si muove.

I vantaggi per il lavoratore? Flessibilità e maggior spazio per la vita privata, sempre che si sappia organizzarsi e ci si focalizzi sui risultati. Per il datore di lavoro? Un’azienda può risparmiare sulla gestione del personale, sulle postazioni e le tecnologie (meno server fissi, meno software). Uno studio del Politecnico di Milano ha stimato un beneficio economico totale, per il sistema delle aziende italiane, pari a 37 miliardi di cui 10 di risparmi e un +5,5% di produttività. Il lavoratore ha un miglior bilanciamento fra vita privata e lavoro, meno stress da vita di ufficio e molti spostamenti in meno tra casa e ufficio.

Smart-work

Ci si sta provando. Nel 2015 il 17% delle società italiane ha avviato progetti di smart working, quasi il doppio dell’8% del 2014. La rivoluzione ha contagiato un po’ tutti: banche, aziende alimentari, Comuni e provincie, aziende cosmetiche. In Barilla oltre 1.600 persone sfruttano già la possibilità di lavorare a casa quando ne hanno necessità e dal 2020 potranno farlo tutti gli 8mila dipendenti. La Star ha riorganizzato la sede di Agrate in un open space dove ci sono solo scrivanie non assegnate, uguali per tutti, non si timbra il cartellino e ci sono orari di ingresso e uscita flessibili e dove si autocertificano assenze e straordinari (anche qui parole chiave fiducia e responsabilità). L’Oreal ha fornito a migliaia di dipendenti pc e telefonini consentendo 2 giorni al mese (presto 4) di lavoro esterno. Siemens ha ridotto del 30% gli spazi lanciando il lavoro agile e senza scrivanie assegnate per 1.700 persone.

Il futuro è flessibile, nel senso buono del termine. Per esser svegli, intelligenti, brillanti, equilibrati, fiduciosi, con un lavoro di qualità. Meno tavoli, meno scrivanie, meno sedie, più spazi comuni e scambi. E delega della gestione del nostro tempo. Anche per essere un po’ meno chiusi in cubicoli degni di Fantozzi.

Per vedere la presentazione di Barilla, clicca qui

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Il lavoro nobilita… no, stanca!
L’omone
Europa, cronaca di una morte annunciata. Ma ora spunta la trama neoliberista
prendi_i_soldi_e_scappa_allen
ELOGIO DEL PRESENTE
Prendi i soldi e scappa: la pericolosa libertà dei pensionati in Gran Bretagna

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi