Home > ACCORDI - il brano della settimana > Il mio cavallo chiamato America

Ogni volta che ascolto questa canzone immagino di esserne il protagonista: un uomo solo in sella ad un cavallo senza nome. Solo nel deserto, alla ricerca di qualcosa che so essere oltre l’orizzonte.
Ma la linea dell’orizzonte non si può oltrepassare, rimane là, sempre là, nonostante le miglia di cammino che ho fatto nel deserto, che faccio e che farò.
Non mi resta che continuare il viaggio, in sella ad un cavallo senza nome. E quando mi sarò lasciato il deserto alle spalle e incontrerò il mare, allora sì, potrò liberare il mio cavallo, il mio amico di solitudine. E sarò felice perché non avrò rimpianti né un nome da ricordare.
Gli spazi immensi del continente americano, tanto desiderato e cercato nell’immaginario di me europeo, nato, cresciuto e nutrito nel mito del lontano ovest, della frontiera e della sua natura selvaggia e inesplorata. Sono solo i desideri di un bambino che giocava ai cowboys, immagini di un mondo scomparso rimasto vivo nei miei sogni e nella fantasia, che resiste al traffico delle otto del mattino di un lunedì qualunque.
Ascolto la musica, penso e sorrido, perché solo una band che si chiama America poteva scrivere una canzone come questa.

A Horse with No Name (America, 1971)

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Gli ultimi cinque minuti
LA CITTA’ DELLA CONOSCENZA
Umanità in liquefazione
OSSERVATORIO POLITICO
Il rischio di un dispotismo mite
L’immaginazione? Un bene da condividere

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi