18 Novembre 2016

“Il mio sogno è scrivere”: intervista con Marcello Simoni, autore da un milione di copie

Redazione

Tempo di lettura: 10 minuti

Intervista con Marcello Simoni, autore da un milione di copie, famoso in tutto il mondo. Ha presentato il 15 novembre a Ferrara il suo nuovo romanzo, “Il marchio dell’Inquisitore”.

di Eleonora Rossi

m-simoni

Ci ha condotto in “biblioteche perdute”, in abbazie peccaminose, in “labirinti ai confini del mondo”. Con la sapienza di uno storico, con lo stile di un grande narratore.
E sempre rimanendo se stesso.
Lui è Marcello Simoni, nato a Comacchio, classe 1975, scrittore applaudito in tutto il mondo e tradotto in diciotto lingue. In pochi anni ha venduto un milione di copie, eppure si presenta come uno di noi, senza presunzione, autentico come il suo sorriso: il “lei” con cui lo saluto diventa immediatamente un “tu”.

Di Marcello ti colpiscono il garbo, l’entusiasmo e la passione con cui si dedica al “mestiere di scrivere”: la luce di un giovane autore che sta vivendo a pieno il suo sogno.
Nonostante l’agenda fittissima di appuntamenti che lo hanno visto impegnato in questi giorni nel lancio del suo nuovo romanzo “Il marchio dell’Inquisitore” (Einaudi Stile Libero) e come testimonial della rassegna GialloFerrara (“Non posso che essere orgoglioso di essere stato scelto a rappresentare questo festival, un evento in controtendenza che promuove l’amore per la lettura”), Marcello ci dedica un po’ del suo tempo e ci accoglie nel suo mondo.
Prima di dedicarsi completamente alla scrittura, Marcello Simoni ha lavorato nella biblioteca del seminario arcivescovile ferrarese, scoprendo, nei volumi dell’antichità, un universo. Firmava saggi storici, ma sentiva il bisogno di raccontare qualcosa di suo. Scrisse così il suo primo romanzo “Il mercante di libri maledetti” – e lo inviò alle massime case editrici italiane, ma senza ricevere risposta. A sorpresa, dopo un anno, il primo contratto arrivò da una casa editrice spagnola. Il romanzo uscì in Spagna nel 2010 e vendette seimila copie: a quel punto l’editore Newton Compton lo lanciò in Italia.
Nel 2011 “Il mercante di libri maledetti” conquistò il secondo posto nella classifica dei libri più venduti in Italia. È stato un successo straordinario, grazie al quale Simoni ha vinto il Premio Bancarella 2012 .

libro-simoni

Nel 2013 “L’isola dei monaci senza nome” vince il premio Lizza d’oro. Il 2 luglio 2015 Marcello Simoni pubblica “L’abbazia dei cento delitti”, romanzo primo in classifica con un milione di copie vendute.
Da ogni parte del mondo lo cercano per intervistarlo o invitarlo a conferenze e a presentazioni. Lui ha iniziato a viaggiare, anche se si sente “a casa” solo a Comacchio, nelle atmosfere in cui è cresciuto, tra la nebbia e il silenzio delle valli.
“Riesco a scrivere soltanto qui – confida – . È diventato importante viaggiare per presentare i miei libri o partecipare a convegni in tutta Europa. Ma a me piace vedere il mondo nella letteratura”.

Marcello è cresciuto respirando il profumo dei libri e della storia. I libri sono la sua passione, a casa ne ha una parete intera e pile ai piedi del divano, sulla scrivania, in bagno, ovunque (“per la gioia di mia moglie!”, sorride). La sua biblioteca cresce continuamente, a dismisura, e ogni volta che lo scrittore si cimenta con una nuova impresa letteraria deve liberare uno scaffale per rifornirlo con nuovi saggi e approfondimenti storici. Solo lui sa orientarsi nel suo “disordine metodico”. Marcello Simoni non sa quanti volumi possiede, ma si è impegnato a contarli prima della prossima intervista.

Il primo ottobre 2016 ti è stato assegnato il “Premio Stampa”. Te l’aspettavi? Come ti sei sentito quando hai ricevuto l’opera d’arte dedicata alla “Verità”?
Il “Premio Stampa” è stata una graditissima sorpresa, non me l’aspettavo e mi ha fatto doppiamente piacere: si trattava di un attestato di merito da parte di esperti della comunicazione e un riconoscimento del territorio a cui appartengo. La statua della“Verità” è un’opera d’arte che ho apprezzato moltissimo, sia dal punto di vista estetico sia per il significato che racchiude: ora è in bella mostra accanto al “Premio Bancarella”.

Anche tu indaghi la “verità” nei tuoi romanzi?
La verità va ricercata, va guardata in faccia. Nei libri noir la ricerca della verità è fondamentale. Muovendo da un caos narrativo, l’autore compie la sua indagine personale: c’è un mistero da risolvere, una verità da scoprire.
I lettori prediligono il genere giallo/noir perché li appassiona la ricerca di una soluzione: ma la verità nei romanzi spesso non è bella come la statua che mi è stata regalata. Lo scioglimento di un caso può svelare una verità spigolosa, problematica, che lascia l’amaro in bocca.
Perché il romanzo è specchio della realtà. E molte situazioni complesse della realtà purtroppo non prevedono un lieto fine.

Parlando di romanzi, c’è un libro o un autore che preferisci?
Non c’è un autore o un libro soltanto. Ci sono molti autori, io leggo di continuo e prediligo i giallisti, i noiristi, i romanzi d’azione. Mi piace conoscere stili e tecniche diverse di scrittura e leggo soprattutto per il piacere di leggere.
Amo il romanzo storico, ma spesso fatico a trovare libri che mi conquistano: sono volumi nei quali chi scrive tende ad insegnare, ad approfondire temi del passato in maniera didascalica. Io invece nella lettura cerco una sorta di ‘leggerezza’, da non confondere con la banalità, ma intesa soprattutto come piacere, divertimento. La narrativa a mio parere deve essere fiction, il narratore deve intrattenere il lettore, non stancarlo. Per questo mi considero uno “storyteller”.

Facciamo un passo indietro, per capire quando nasce la tua passione. Puoi raccontarci qualcosa della tua infanzia? Come è nato il tuo amore per la scrittura? Da quali letture?
Sono sempre stato un sognatore. Fin da bambino ero affascinato dalle storie: i cartoni animati erano il mio materiale narrativo preferito. Il primo libro è stato “Pinocchio”, un libro suggestivo che ancora mi sorprende per la sua complessità. Poi ho letto “Ventimila leghe sotto i mari” di Verne, e i libri di Dumas, Conan Doyle, Salgari: lì hanno iniziato a prendere forma i miei gusti di lettore.

Eri un bambino obbediente o ribelle?
Ero un bambino dolce, fino alla terza media era tranquillo e diligente, poi mi sono ‘scatenato’ un po’ alle superiori. Ma all’Università ho ricominciato ad impegnarmi seriamente.

Ti sei laureato in Lettere: come s’intitolava la tua tesi?
Era una tesi sulla storia dell’Archeologia del Territorio, dall’età etrusca al Medioevo. Venne pubblicata da Corbo nel 2001. Ho frequentato spesso il Museo Archeologico di Ferrara in quegli anni, ho collaborato con l’archeologa Fede Berti al Museo di Spina. È stata un’esperienza interessantissima di studio, di conoscenza e contatto con le fonti e i reperti.

Quando hai capito che scrivere era il tuo lavoro?
Scrivere mi fa stare bene. È un mio bisogno. Ma fino a qualche tempo fa non avrei potuto immaginare di “vivere” grazie alla scrittura: in Italia sono sempre meno le persone che leggono libri. Quando mi sono reso conto che riuscivo a mantenermi scrivendo libri, è stato come ricevere un regalo. Ho cominciato a credere davvero in me stesso. Mi sono sentito realizzato come persona.

Scrivere è certamente piacere, ma al tempo stesso è fatica, quotidiana. Servono metodo e abnegazione. Qual è stato il libro più sofferto e quale il più ispirato?
Bene o male, quando si scrive per mesi e mesi, la fatica si sente. La difficoltà maggiore è stata “scrivere a singhiozzo”: era il periodo in cui lavoravo alla trilogia dedicata all’Abbazia di Pomposa, mi invitavano continuamente ad eventi e presentazioni, ne ero onorato ma non riuscivo a scrivere con continuità. Terminata la trilogia, ho faticato a trovare la giusta concentrazione nel ‘salto’ dal Medioevo al Seicento, con il romanzo “Il marchio dell’Inquisitore”: si è trattato di una sorta di trasloco mentale da un’epoca ad un’altra. Ho dovuto catapultarmi in un altro mondo, immedesimarmi in modi di pensare, di vestire, di vivere totalmente diversi. Ci è voluto un po’ di tempo! Ma poi mi sono molto divertito.

Puoi darci un assaggio di questo tuo ultimo lavoro, fresco di stampa per Einaudi Stile Libero e presentato il 15 novembre da Matteo Bianchi a Ferrara?
È un esperimento narrativo: una mia reinterpretazione del romanzo storico, una piccola scommessa con me stesso, giostrandomi tra giallo e romanzo storico. Il protagonista è un frate domenicano del 1600, Girolamo Svampa, personaggio carismatico ma dalla personalità sofferta, con tratti di autismo e un’incapacità di sviluppare autentica empatia nei rapporti umani.
Sullo sfondo, la Roma Vaticana del Seicento: il periodo più agghiacciante dell’Inquisizione. Ho cercato di offrire uno spaccato della capitale e delle sue profonde oscurità, delle prigioni e delle torture. La Roma del rogo dei libri, ma soprattutto della caccia alle streghe.

Non vedo l’ora di leggerlo!

Finora hai scelto di ambientare i tuoi romanzi nel passato. Ti mimetizzi anche tu nelle storie? Se sì, quali panni indossi?
Nei miei romanzi generalmente non c’è un unico protagonista, vi sono diversi personaggi in una dimensione corale, in una pluralità di punti di vista. Io mi immedesimo in tutti i personaggi e cerco di sperimentare le singole prospettive; all’inizio era più complicato per me entrare nell’ottica dei personaggi femminili, ma ho scoperto le donne sono molto intriganti, riservano sempre sorprese. Io sono tutti e nessuno.

Nove romanzi, innumerevoli personaggi nei quali immedesimarsi e moltiplicare te stesso. E milioni di lettori in tutto il mondo. Dopo le soddisfazioni di tutti questi anni, hai ancora un sogno nel cassetto?
Il mio sogno lo sto vivendo. È iniziato con il “Mercante di libri maledetti” e ora il mio desiderio è prolungare questo sogno, dargli continuità. Per questo motivo sto cercando di lavorare al meglio, con entusiasmo, in modo serio e professionale. Ho un editore grandioso come Newton Compton e il mio inizio con Einaudi è stato molto incoraggiante.
Il mio sogno è fare lo scrittore. Ho ancora tanto da dire. Ho ancora tanto da scrivere.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Redazione

Redazione

Ti potrebbe interessare:

  • La lingua corrotta della campagna elettorale

  • I SIMBOLI ELETTORALI SONO 101
    ma milioni di italiani restano senza rappresentanza

  • Per certi versi /
    La pineta di Volano

  • L’Angelo della conoscenza

  • PRESTO DI MATTINA /
    Una casa nella tua casa

  • La Fiamma

  • Le storie siamo noi

  • esperto, sapiente, lettore accanito

    Il Governo dei Migliori e i Migliori tra i docenti.
    La grottesca lotteria inventata dal ministro Bianchi.

  • PENSARE COME UN ALBERO
    Vita (d)alla finestra

  • Una brutta campagna elettorale:
    due tristezze e due proposte

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi