Home > COMUNICATI STAMPA > IL PENSIERO AFFABULANTE, TRA FIABA E FILOSOFIA
26 ottobre: confermata iniziativa Centro Gramsci: <

IL PENSIERO AFFABULANTE, TRA FIABA E FILOSOFIA
26 ottobre: confermata iniziativa Centro Gramsci: <

Tempo di lettura: 2 minuti

Da: Istituto Gramsci Ferrara

LUNEDÌ 26 OTTOBRE 2020 – Ore 17,00 – Sala Agnelli Biblioteca Ariostea

APRE I LAVORI L’Assessore alla P.I. del Comune di Ferrara DOROTA KUSIAK

Presentazione del Ciclo: DANIELA CAPPAGLI

IL PENSIERO AFFABULANTE, TRA FIABA E FILOSOFIA

Dialogano NICOLA ALESSANDRINI ANTONIO MOSCHI Docenti

La nascita del logos filosofico segna una discontinuità rispetto alla rivelazione del senso del mondo costituita dal mito: la filosofia infatti è ricerca della verità incontrovertibile, basata sulla forza di un’argomentazione razionale la cui negazione è autonegazione. Eppure chi di noi non ricorda la potenza evocativa dei miti creati da Platone? E perché mai Aristotele afferma che “anche l’amante del mito è in un certo qual modo un filosofo”? Forse perché il pensare per immagini (e non soltanto per concetti) è una cifra distintiva dello spirito umano, come ci testimonia una riflessione in proposito che va dall’antichità fino ad oggi. Ne è un esempio il pensiero di Ernst Bloch, filosofo della speranza, nel quale la narrazione affabulante diviene l’anticamera dell’utopia concreta e dei sogni ad occhi aperti, apprendistato del difficile artigianato del desiderio. Nelle ‘Tracce’ Bloch raccoglie fiabe, leggende, miti, proverbi e aneddoti che ci permettono di dialogare con il mistero delle cose e dell’uomo. Quell’“oscurità dell’attimo vissuto” da cui nasce la speranza.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi