10 Marzo 2017

IL PUNTO
Pari Opportunità, cosa fa davvero la differenza?

Catina Balotta

Tempo di lettura: 5 minuti

E’ evidente come uno dei veri problemi della donna che lavora sia quello della conciliazione, ovvero l’individuazione di quelle strategie che consentono le pari opportunità in ambito lavorativo, sociale e personale. Il termine conciliazione si riferisce al rapporto che esiste tra almeno due sfere della vita: la famiglia e il lavoro. Ma non solo. Sarebbe meglio dire tra due ambiti di organizzazione del tempo: il tempo di vita e il tempo lavorativo professionale. Una conciliazione riuscita assicura alle persone adulte un equilibrio tra la sfera del lavoro remunerato e la sfera dell’organizzazione del tempo ‘altro’, che può prevedere le attività domestiche, la cura dei figli e di famigliari in situazione di bisogno, il volontariato, le attività civiche e la gestione del tempo libero, possibilmente orientato a uno standard di vita soddisfacente.

Dall’analisi dei lavori femminili nella loro evoluzione temporale, si ricava l’evidenza di una forte continuità della concentrazione in pochi canali occupazionali, che per lungo periodo hanno assorbito la quasi totalità delle donne. Tali settori riflettono, per le modalità di svolgimento e per il tipo di attività previste, l’attività femminile non ‘di mercato’, si pensi all’infermiera, alla maestra, alla sarta. Oggi molto è cambiato nei modi e nei tempi di partecipazione della donna al mondo del lavoro, ma le diverse rappresentazioni dell’appartenenza di genere condizionano ancora il modo in cui la donna si colloca nel mondo del lavoro. E’ più nei nessi e negli incastri tra lavoro retribuito per il mercato e lavoro non retribuito per la vita, nel loro continuo mutare e nei percorsi di crescita individuali e possibili che si può rintracciare il vero senso della presenza femminile nel mondo del lavoro. Sia nell’assolvere le funzioni famigliari sia in quelle per il mercato le donne mettono in atto una attività costante di cucitura tra pezzi della loro vita.

E’ in questa attività di cucitura che la donna compie continuamente delle scelte che ne determinano il percorso lavorativo e personale: si pensi alla bassissima natalità italiana. Le Pari Opportunità per poter essere ‘materia viva’ devono diventare un valore condiviso dalle persone adulte. Valore per il quale si potrà lavorare seriamente solo quando il substrato sociale che lo legittima sia favorevole al suo effettivo radicamento e sviluppo. E’ rilevante la sottolineatura sulla dimensione ‘equilibrio della vita della persona adulta’ che tale principio sempre più sponsorizza. Forse a carico di una non-numericamente-equa spartizione di ciascuno dei carichi lavorativi professionali e non della donna, ma sicuramente a favore di un recupero dello sviluppo personale nella sua vera interezza e importanza.

In sostanza sono l’equilibrio e la soddisfazione per la propria vita che vanno perennemente e seriamente ricercati anche se questo non necessariamente passa da un’equa spartizione di ciò che può numericamente essere diviso a metà tra maschi e femmine. Ma esiste qualcosa che davvero e rigorosamente possiamo considerare diviso/divisibile a metà? Forse no, ma non è comunque questo a fare la differenza.

Le Pari Opportunità vantano in Italia e in Europa un lungo cammino normativo. La Comunità Europe definisce il principio di pari opportunità come l’assenza di ostacoli alla partecipazione economica, politica e sociale di qualsiasi individuo per ragioni connesse al genere, religione e convinzioni personali, razza e origine etnica, disabilità, età e orientamento sessuale. Tale discriminazione è proibita in tutta Europa perché può pregiudicare il conseguimento di un elevato livello di occupazione e di protezione sociale, il miglioramento del tenore e della qualità della vita, la coesione economica e sociale, la solidarietà e la libera circolazione delle persone. In particolare con il termine pari opportunità ci si riferisce all’assenza di discriminazione condizionata dal sesso di appartenenza.

L’obiettivo è quello di assicurare ai due sessi eguali opportunità di accesso e partecipazione equilibrata alla vita economica sociale e politica, con l’eliminazione di quelle barriere che vi si frappongono. Esistono politiche, programmi e progetti che cercano di traghettare dal piano formale a quello sostanziale l’esecutività di tale principio. Tali iniziative possono avere valenza sovra-nazionale, nazionale, regionale, locale e possono essere di carattere generico o specifico. Detto questo, i dati Istat sulla condizione delle donne – la più recente pubblicazione Istat del 2015 si riferisce al periodo 2004-20014 –  attestano che l’Italia si trova ancora in una situazione sconfortante anche se si rileva qualche segnale che fa ben sperare per il futuro.

In particolare continua il forte investimento nell’istruzione da parte delle donne, che ottengono risultati migliori di quelli degli uomini sia a scuola che all’università. La diffusione delle nuove tecnologie riguarda tutta la popolazione con una diminuzione del divario di genere e, per le giovani, con un suo annullamento; negli anni di crisi le donne hanno tenuto di più nel mercato del lavoro e hanno visto incrementare il loro ruolo di breadwinner. Inoltre, la presenza nei ruoli decisionali è in crescita sia nei luoghi politici che in quelli economici. Permangono però le difficoltà di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro legate anche all’asimmetria dei ruoli all’interno delle coppie, e le donne occupate, in corrispondenza della maternità, si trovano a sperimentare in misura crescente la perdita o l’abbandono del lavoro. Inoltre la condizione reddituale femminile continua ad essere peggiore di quella maschile, anche se la distanza fra uomini e donne, nel periodo osservato, si è accorciata.

 



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Catina Balotta

Sociologa e valutatrice indipendente. Si occupa di politiche di welfare con una particolare attenzione al tema delle Pari Opportunità. Ha lavorato per alcuni dei più importanti enti pubblici italiani.
Catina Balotta

Ti potrebbe interessare:

  • La lingua corrotta della campagna elettorale

  • Per certi versi /
    La pineta di Volano

  • L’Angelo della conoscenza

  • PRESTO DI MATTINA /
    Una casa nella tua casa

  • La Fiamma

  • Le storie siamo noi

  • esperto, sapiente, lettore accanito

    Il Governo dei Migliori e i Migliori tra i docenti.
    La grottesca lotteria inventata dal ministro Bianchi.

  • PENSARE COME UN ALBERO
    Vita (d)alla finestra

  • Una brutta campagna elettorale:
    due tristezze e due proposte

  • NON SERVE “IL DOCENTE ESPERTO”.
    Fare scuola è come fare il ragù: competenza e passione

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi