Home > INTERVENTI > Il rischio di partorire in ambulanza

Il rischio di partorire in ambulanza

Tempo di lettura: 2 minuti

da: Emanuela Cioni

Una donna di origine marocchina residente a Gaggio Montano ieri ha dato alla luce una bambina al pronto soccorso di Vergato.
Secondo le più che affermate voci di paese la donna accompagnata dal personale del 118 da Gaggio all’ospedale Maggiore avrebbe durante il tragitto rischiato di partorire la secondo genita in ambulanza, ma ciò non è avvenuto perché la donna a Vergato in fase espulsiva è stata presa in carico dal personale il quale ha fatto nascere la bambina, secondariamente non avendo una termoculla presente in struttura è stata chiamata da Porretta un ambulanza che ha preso in carico madre e figlia e si è recata all’ospedale Maggiore.
Un trasporto come quello di ieri poteva essere evitato se a Porretta ci fosse stata ancora la sala parto.
Se l’azienda ci ha tolto il punto nascita deve garantirci la massima sicurezza nel trasporto delle future mamme.
Ieri fortunatamente tutto e’ andato per il meglio, grazie anche all’ottimo lavoro svolto dagli operatori del 118.
Il comitato lancia l’allarme sicurezza…
Chi decide sulla Sanità in Emilia Romagna? Chi la governa, e cioè Il Pd: un Partito che cestina le speranze dei suoi elettori mettendo a rischio la Salute e la Sicurezza delle persone per favorire il passaggio ai Privati della Sanità Pubblica.
Questa è la verità vera, e non quella che ci vorrebbero far credere.
Sono stati innumerevoli i tentativi di confrontarci con il nostro assessore alla Sanità Carlo Lusenti per chiarire un tema così importante come la sanità in montagna ma ancora oggi non abbiamo avuto risposte.
Oggi più che mai chiediamo di essere ricevuti nelle sedi istituzionali affinché quello successo ieri trovi in quelle sedi, tutte le sicurezze del caso, non ci si può appellare alla fortuna quando si parla di salute

Emanuela Cioni
Presiedente del Comitato per la Salvaguardia dell’ospedale di Porretta Terme

Commenta

Ti potrebbe interessare:
LA CITTA’ VUOTA
Valeria e il negazionismo
POLITICHE ECONOMICHE DOPO L’EMERGENZA: Il rischio di battere le vecchie strade e i soliti errori.
IMBOCCARE UN’ALTRA STRADA
Investire nei Servizi che abbiamo abbandonato
Ridurre le diseguaglianze che si sono aggravate

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi