Home > PARTITI & DINTORNI > Il Sant’Anna assume due nuovi dirigenti, Sensoli: “Ennesimo spreco, altro che contenimento dei costi”

Il Sant’Anna assume due nuovi dirigenti, Sensoli: “Ennesimo spreco, altro che contenimento dei costi”

movimento5stelle
Tempo di lettura: 2 minuti

da: ufficio stampa M5s Emilia-Romagna

Raffaella Sensoli, consigliera regionale del M5S e vicepresidente della Commissione Sanità, interviene sul caso dell’assunzione di due dirigenti decisi dal Sant’Anna a fine estate. “Incredibile che si continui ad aumentare il loro numero quando si cerca di contenere le spese in ambito sanitario”.

“Invece che valorizzare le risorse interne al Sant’Anna si continuano ad assumere dirigenti esterni contravvenendo a qualsiasi politica di contenimento dei costi”. È questa la denuncia di Raffaella Sensoli, consigliera regionale del M5S e vicepresidente della Commissione, che ha preannunciato la presentazione di una interrogazione sul caso della doppia assunzione firmata di due dirigenti avvenuta con una selezione pubblica alla fine della scorsa estate. Si tratta dell’assunzione con un incarico quadriennale di un dirigente medico e di uno amministrativo. “Tralasciando la particolarità del fatto che alla selezione pubblica abbiano partecipato solo due candidati che poi, a tempo di record, sono stati selezionati – spiega Raffaella Sensoli – ci stupisce come a Ferrara si continui ad aumentare il numero dei dirigenti in campo sanitario visto che nell’atto del suo insediamento il direttore generale Tiziano Carradori aveva ammesso che il loro numero era di gran lunga superiore a quello delle altre aziende ospedaliere della regione. Noi crediamo che continuare ad assumere dirigenti sia un errore soprattutto in una fase molto delicata come questa dove si vogliono tagliare posti letto per migliorare l’efficienza del sistema sanitario e si mettono in campo accorgimenti per contenere le spese. Il M5S lo dice da tempo – conclude Raffaella Sensoli – l’unico investimento indispensabile è quello che dovrebbe essere fatto per aumentare il numero degli operatori sanitari sulle cui spalle grava una mole di lavoro che con il tempo sta diventando sempre più insostenibile”.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi