Home > INTERVENTI > Il significato dell’ ”inscatolatura” delle statue ai Musei Capitolini

Il significato dell’ ”inscatolatura” delle statue ai Musei Capitolini

da: Federico Di Bisceglie

In questi giorni,giornali,telegiornali,talk show e quant’altro non fanno altro che parlare di quanto accaduto il 25 gennaio a Roma, in occasione dell’incontro tra il presidente iraniano Hassan Rouhani e il premier italiano Matteo Renzi. La bizzarra decisione di coprire i “nudi” , presenti all’interno dei musei capitolini ha scatenato un dibattito mediatico di proporzioni davvero imponenti, che è scaturito in forti prese di posizione di “pro copertura” e “contro copertura”. In tutti i casi ciò che non si è ancora ben capito, e che molto probabilmente è destinato a rimanere nell’ombra è l’attribuzione della responsabilità. Ovvero, chi ha dato mandato di coprire le statue ritenendole offensive per il presidente iraniano? Anche rispetto a questa ambigua controversia le opinioni sono le più disparate e chiaramente è inevitabile che la critica più diretta e più politicamente rilevante sia destinata al presidente del consiglio stesso. La posizione che in misura maggiore ha prevalso rispetto la decisione di inscatolare le statue è stata quella sfavorevole, ed è assolutamente comprensibile e condivisibile. L’Italia ha un patrimonio artistico incommensurabile ed ineguagliabile, che per altro tutti i paesi del mondo ci invidiano, ma che purtroppo non viene valorizzato nella giusta misura e al quale purtroppo non si da un giusto peso, capisco possa sembrare scontato e capisco che molto spesso si attribuisca la causa di ciò alle cattive decisioni della classe politica, ma le ragioni della sottovalutazione del patrimonio artistico è molto più profonda e va ricercata in ognuno di noi. La ragione è antropologica. Gli Italiani considerando come “consueto” ciò che hanno, e quindi abituati a vivere circondati da bellezze uniche e di un valore incommensurabile non riescono a valorizzare nel giusto modo ciò che in realtà meriterebbe molta più cura ed attenzione. Tra le opere d’arte scultoree più importanti per la storia dell’arte mondiale, ci sono anche le statue che ingenuamente sono state coperte ai musei capitolini, forse per un eccesso di zelo, o forse per un falso perbenismo di comodo. Molto probabilmente alla base di tale decisione però si cela anche un velo di ignoranza, in quanto il tema del “nudo” è uno di quei temi più rappresentati e che ha maggiormente caratterizzato il corso della storia dell’arte, sia scultorea che pittorica sin dai tempi dei Greci,la venere capitolina, inscatolata, passando per la venere di Tiziano e quella Botticelli finendo poi, volendo con “L’origine du monde” di Gustave Courbet. Il fatto che tale decisione abbia destato un’indignazione tanto diffusa quanto rapida, ha un aspetto positivo:gli italiani forse,e dico forse, stanno iniziando a rendersi conto che il nostro patrimonio artistico va preservato e promosso. Pertanto, se le scatole che hanno avvolto le statue hanno contribuito ad una sensibilizzazione in campo culturale degli Italiani, ben vengano, ma poi queste scatole vanno tolte e i musei vanno visitati.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi