Home > COMUNICATI STAMPA > Il Sindaco Marco Fabbri interviene sull’annosa questione della tassa di scolo

Il Sindaco Marco Fabbri interviene sull’annosa questione della tassa di scolo

da: ufficio stampa Comune di Comacchio

L’Amministrazione Comunale prende atto con soddisfazione che la nuova Giunta Regionale con Deliberazione 210 6 marzo 2015 ad oggetto “L.R. 7/2012 – Procedure per l’approvazione dei piani di classifica da parte dei Consorzi di Bonifica”, abbia finalmente formulato un indirizzo ai Consorzi per la redazione dei piani.

“Sono passati ormai tre anni dalla legge 7 del 6 luglio 2012, che sanciva una significativa novità per i cittadini – commenta il Sindaco Marco Fabbri -, ovvero il fatto che non dovranno più pagare il contributo di bonifica gli immobili serviti dalla rete fognaria senza significative interconnessioni con la rete di bonifica, mentre dovranno pagare sia i proprietari di immobili che traggono un beneficio specifico e diretto dalle opere di bonifica sia chiunque, pur non associato, scarichi acqua nei canali consortili, anche se depurati e compatibili con l’uso irriguo. Bene il principio, ma ora attendiamo con ansia l’attuazione di tale Piano che – aggiunge il Sindaco – dovrà una volta per tutte fare chiarezza sul tributo. Si tratta di un tributo non proprio dell’Ente locale, il Comune, per il quale tuttavia veniamo chiamati in causa direttamente noi primi cittadini. Nel territorio andiamo incontro a situazioni paradossali, poichè ci sono cittadini comacchiesi che vivono a poche centinaia di metri gli uni dagli altri che pagano il tributo e altri che invece non sono tenuti al pagamento. Proprio in queste settimane – va avanti il Sindaco – sono state recapitate le istanze di pagamento e mi sono pervenute decine di segnalazioni legate a tale situazione, per le quali non siamo in grado di dare informazioni, ma che solo il piano di classifica potrà dare. Questa è un’ingiustizia che si protrae ormai da decenni, alla quale ci auguriamo che finalmente possa essere posto rimedio con poche regole, chiare e trasparenti.”
La succitata Deliberazione 210/15 di Giunta Regionale è stata pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Emilia Romagna n.62 del 25.03.2015 periodico (Parte Seconda).

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi