Home > IL QUOTIDIANO > Il sogno del sindaco Tagliani fra epica cavalleresca e poco epiche cronache

Il sogno del sindaco Tagliani fra epica cavalleresca e poco epiche cronache

di Tiziano Tagliani*

Ho fatto un sogno: Ferrara trovava un nuovo aedo: una città che fino a ieri di Bassani aveva il solo ricordo oggi può raccontarne il mondo, grazie alla generosità di Portia e di Ferigo e di qualcuno che, dopo decenni, si è reso pronto, ha dato opportunità a questo racconto “Fuori le mura”: un futuro con il “giardino” che vola a Gerusalemme ambasciatore di quel capolavoro di città che è la nostra, con gli “occhiali d’oro” che tornano in città a vedere nebbie ormai scomparse.
Un narratore ci serve, ha ragione Macke!
Che racconti: come in pochi mesi Boldini volasse a Pechino e all’Hermitage, Antonioni a Parigi, Amsterdam e Bruxelles, Il poema di Ariosto fluisse negli occhi di 30.000 studenti ed altri 120 mila curiosi a bocca aperta e De Chirico metafisico tornasse con i capolavori dipinti a Ferrara per la prima volta ad incantare tanti.
Un narratore che spieghi con passione, come, con la visione di ciò che Ariosto che “vedeva ad occhi chiusi” siano atterrati in città anche il Baccanale degli Andri del Tiziano, poeta di una corte perduta ed un Mantegna pagato dagli Este e non dai Gonzaga! E ben ricordo quanti, oggi ricreduti, su quella sfida non avrebbero investito un fiorino!
Poi il risveglio. Qui si disputa a giorni alterni di spore idrofile e sulla incompetenza di chi ha operato miracoli che altrove, in città di maggior rango e dotate di munifiche fondazioni, meriterebbero ben altro rispetto. Dall’alto si disputa, di pulpiti che a turno l’un l’altro si edifica l’intellighenzia nostra almeno fino al prossimo cruento certame sulla presidenza o sul convegno.
Ah casta di aedi! Narratela questa nostra città voi che la parola governate con padronanza (voluto rafforzamento semantico)!
Non però quella che contrappone, quotidie, nelle associazioni il presidente di ieri a quello di oggi, quella che vuole il Meis nel parco Urbano o al Verdi ma non dove si fa , quella che da mesi attende da una Soprintendenza (mai lettera maiuscola fu più necessaria) di sapere il futuro di una civica idea, criticabile ed infatti criticata fin che si vuole, ma Santo Cielo una idea che merita risposta e magari non sul giornale!, Soprintendenza in vero sopraffatta dal lavoro e dagli arretrati, ma che trova il tempo di insegnare al sindaco (volutamente minuscolo siccome privo di visione onirica) come si compone la giunta.
Narrate or dunque questa città, voi che dalla storia traete l’humus che a noi, schiera dannata di mercenari dell’amministrare cornuti e fors’anche becchi, non sarà mai dato, narrate d’una città che compie miracoli coi fichi secchi!
Città che, meschina, non rinnova il Direttore delle biblioteche perché la legge a chi ha lavorato tanto (e bene aggiungo, io sì, vergin di servio encomio e di codardo oltraggio) lo impedisce, ma non per questo lascerà sguarnita la trincea (come dissi alla Presidente amica della Ariostea) mi si consenta sul punto però l’indeterminatezza che è dovuta per rispetto di chi in biblioteca ci lavora, là dove il prestito, come suggerisce l’ottimo Monini, oggi non è il solo metro, così come il consumo del gessetto non lo è del lavoro del maestro.
E se per lasciare memoria di questi nostri anni sarà d’uso, come è, calcar la mano su chi scrive, non abbiate timore alcuno picchiate duro, perché con l’irriverenza della classe da cui provengo, quella di Cesira la bugadara , la arzdora che i panni la lavava in tal canal, nell’attesa dell’inclita opera vostra, non tacerò, ma convinto lancerò un grido: INTANT VIVA LA SPAL

*Sindaco di Ferrara

Leggi la replica di Gianni Venturi “i prosaici oltraggi degli ingrati”

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Unife, il professor Picci sul caso Zauli: “C’è un mistero da risolvere”
Al via il Festival dei Diritti di Ferrara con la conferenza-spettacolo di Annalisa Vandelli
Uno sguardo letterario sul cinema: a ricordo di Guido Fink
DIARIO IN PUBBLICO
L’umanità del Lido

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi