Home > COMUNICATI STAMPA > IL TALMUD BABILONESE, IL PROGETTO DI TRADUZIONE ITALIANO “UNICO AL MONDO” PRESENTATO AL MEIS DI FERRARA

IL TALMUD BABILONESE, IL PROGETTO DI TRADUZIONE ITALIANO “UNICO AL MONDO” PRESENTATO AL MEIS DI FERRARA

Tempo di lettura: 3 minuti

24 Novembre 2021- Bookshop – Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah

Il Talmud, il testo più importante della cultura ebraica, è al centro di un grande progetto di traduzione italiano, con il supporto dei più avanzati sistemi di linguistica computazionale, rappresentando un unicum nel panorama mondiale. Roma, Ferrara 19 Novembre 2021 – Mercoledì 24 Novembre 2021 alle ore 17:00 presso il bookshop del Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah si svolgerà l’evento “Il Progetto Traduzione Talmud Babilonese: Umanesimo e tecnologia in favore del dialogo interculturale”.
All’incontro, patrocinato dal Comune di Ferrara, partecipano: Amedeo Spagnoletto, Direttore del Museo
Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah, Clelia Piperno, Direttore del Progetto Traduzione Talmud
Babilonese, Enrica Martinelli, Professoressa di Diritto e Religione dell’Università di Ferrara e David
Dattilo, Responsabile Ricerca e Sviluppo Progetto Traduzione Talmud Babilonese e Responsabile Progetto YESHIVA’. Modera Cristiano Bendin, Il Resto Del Carlino Durante l’evento sarà presentato, per la prima volta a Ferrara, il Progetto di Traduzione italiana del Talmud Babilonese, che rappresenta oggi il più importante, per ampiezza e complessità, progetto di “Umanesimo Digitale”: un enorme lavoro di studio, che si avvale di uno strumento unico nel suo genere, “TRADUCO”, un software di linguistica computazionale, a base semantica e ricerca, e che coinvolge 90 studiosi e personalità di spicco della cultura ebraica in tutto il mondo offrendo l’opportunità, per la prima volta anche Italia, di accedere e conoscere il Talmud, l’opera più importante della cultura ebraica. Il progetto è frutto di un protocollo d’intesa tra Presidenza del Consiglio, MUR, CNR e UCEI-CRI.
Durante l’incontro sarà presentata in anteprima la ‘YESHIVA’: la nuova piattaforma digitale per lo studio
del Talmud e la diffusione della cultura ebraica, che permetterà la lettura e l’analisi dei testi. Un nuovo
ambiente digitale per la formazione e la comprensione di una delle lingue più antiche. Un progetto unico
al mondo che annulla i confini geografici e apre nuove possibilità al dialogo interculturale.
Il primo volume “Rosh haShanà”, pubblicato nel 2016, è stato donato alla Library of Congress degli Stati
Uniti d’America e consegnato al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e al Presidente Israeliano, Reuven Rivlin. Durante la 73esima Assemblea Generale alle Nazioni Unite il Progetto Traduzione Talmud Babilonese è stato presentato in un side event come best practice nell’uso di nuove tecnologie applicate alla cultura che incoraggia il dialogo interculturale e l’inclusione sociale di minoranze.

Ad oggi sono stati pubblicati cinque trattati tutti editi La Giuntina, che hanno riscosso l’interesse di
numerosi studiosi e appassionati nazionali e internazionali. Entro questo anno sarà pubblicato il nuovo
trattato Betzà.
In occasione dell’incontro sarà possibile visitare dalle 16.00 la nuova mostra del MEIS “Oltre il ghetto.
Dentro&Fuori” al prezzo ridotto di 8 euro e partecipare ad una visita guidati dal Direttore Amedeo
Spagnoletto (massimo 15 partecipanti).
Prenotazione consigliata scrivendo a meis@coopculture.it o chiamando il numero 342 5476621 (attivi da martedì a domenica dalle 10.00 alle 18.00).
L’accesso al museo sarà consentito esclusivamente a coloro in possesso di Green Pass unitamente ad un documento di identità valido.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi