22 Ottobre 2014

IL TEMA
Un po’ di chiarezza su articolo 18 e riforma del lavoro

Federica Pezzoli

Tempo di lettura: 4 minuti

lavoro

Alzi la mano chi dal dibattito sui media ha capito cosa cambierà con il Jobs Act, la riforma del lavoro di Matteo Renzi e Giuliano Poletti. Dopo l’incontro al centro sociale Acquedotto devo ammettere che comincio ad avere le idee più chiare. È stato il professor Paolo Pini, docente di economia politica presso l’ateneo estense, a diradare un po’ la nebbia che, seguendo – lo ammetto – solo il dibattito mediatico su questo argomento, avvolgeva il vituperato disegno di legge delega sul mercato del lavoro dal nome così modaiolo ed esterofilo.
Il docente ha passato in rassegna quelli che ha chiamato i quattro pilastri di questa riforma: riduzione del cuneo fiscale, politica industriale per il manifatturiero italiano e il made in Italy, ricomposizione del mercato del lavoro tramite il contratto a tutele progressive, semplificazione delle norme sul lavoro. È venuto fuori che, per quanto riguarda i primi due, nel Jobs Act è stato fatto ben poco: non si è intervenuti sulle tre voci più importanti del cuneo fiscale, cioè i contributi previdenziali e sociali a carico dei lavoratori e dell’impresa e le imposte sul salario lordo a carico del lavoratore, e la politica industriale è “materia non pervenuta, a meno che non si ritenga che politica industriale sia sinonimo di privatizzazioni”, ha affermato il docente.
Ma le osservazioni più interessanti sono emerse a proposito del contratto a tutele progressive e delle correlazioni fra flessibilità, aumento dell’occupazione e della stabilizzazione dei contratti, maggiore investimento delle imprese sui lavoratori con conseguente aumento della produttività e quindi dell’efficienza. Prima di tutto, secondo Pini, il mercato del lavoro italiano non sarebbe affatto uno dei più rigidi: “Fra i Paesi industrializzati è diventato uno dei più flessibili”. In altre parole, “dato che si faceva fatica a smantellare il mercato del lavoro tutelato, si è creato a fianco un mercato del lavoro privo di tutele e poi è stato fatto crescere”, mentre l’altro si starebbe estinguendo con il tempo e i pensionamenti. Dunque, paradossalmente, della modifica dell’articolo 18 in realtà non ci sarebbe nemmeno così bisogno perché il turn over avviene sostituendo contratti tutelati con nuove forme senza tutele. Inoltre Pini ha dimostrato con tanto di dati e grafici Ocse e ministeriali che non ci sono evidenze empiriche che una maggiore flessibilità aumenti l’occupazione o la successiva stabilizzazione dei contratti, e ancor di meno favorisce la produttività, che dipende sì dalle risorse umane, ma soprattutto dagli investimenti in innovazione e formazione e dall’organizzazione del lavoro. Ad aggravare la situazione, il continuo succedersi di riforme senza monitoraggio dei risultati di quelle precedenti: si procede così a una nuova modifica dell’articolo 18, senza prima aver promosso analisi, indagini, studi di un qualsiasi tipo sulla precedente modifica a firma Fornero.
Infine una panoramica sulle attuali condizioni del mondo produttivo italiano: nonostante tutte le riforme che si sono succedute in questi ultimi convulsi anni di crisi, non c’è stato sicuramente un aumento dell’occupazione e men che meno è aumentata la produttività (ammettendo che la soluzione sia produrre di più e non produrre meglio e cose diverse).
“Ma se la flessibilità sul mercato del lavoro l’abbiamo fatta, cosa manca? – si è chiesto in conclusione il professor Pini – Manca flessibilità dentro le imprese: non abbiamo cioè lavorato sull’organizzazione del lavoro all’interno delle aziende”. In altre parole la produttività non ha nessuna relazione con la precarietà, anzi quando c’è è negativa, ma è collegata agli investimenti in ricerca e sviluppo, in formazione, all’organizzazione della produzione. Chi pensa ancora che il problema sia l’articolo 18?



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Federica Pezzoli

Federica Pezzoli

Ti potrebbe interessare:

  • Un’analisi del voto: Meloni, Conte, Schlein e il problema della rappresentanza

  • Per Mahsa Amini e per sostenere la rivolta del popolo iraniano:
    Ferrara, piazza Trento Trieste: 28 settembre ore 17,30

  • Elezioni: “Tutti noi ce la prendiamo con la storia ma io dico che la colpa è nostra”

  • 2 ottobre, Elezioni in Brasile: 182 indigeni si presentano come candidati

  • ACCORDI /
    Spaghetti al pomodoro

  • IL PREMIO ESTENSE VISTO DA DENTRO
    Mario Breda vince la 58° edizione. Premio Granzotto a Giovanna Botteri

  • ANALISI DISANALITICA DEL VOTO
    Teniamoci per mano in questi giorni tristi

  • Colloqui di Dobbiaco 2022
    Etica Animale e Cambiamenti Climatici nel piatto

  • 27 settembre, ore 19,30: Il giallista ferrarese Marco Belli al Centro Sociale La Resistenza

  • “L’ambientalismo senza lotta di classe è giardinaggio”:
    la nuova dimensione conflittuale dei Fridays For Future

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi