29 Novembre 2021

IL VIAGGIO DI VALENTINA (4)
La Grande Russia

Liliana Cerqueni

Tempo di lettura: 7 minuti

 

La trasferta della nostra cicloviaggiatrice Valentina Brunet continua e Ferraraitalia è lieta di poter condividere con i suoi lettori questa grande esperienza di vita. Dalla Mongolia in Russia, Valentina si lascia alle spalle un capitolo movimentato e controverso per andare incontro ad altre realtà. 

Finalmente in Russia, Valentina, in quella terra di nessuno che prelude l’ingresso in questo affascinante territorio. Avevi interrotto il tuo racconto pedalando quei 20 km che ti separavano dal confine.

Sono stati 20 chilometri di grande eccitazione, aspettative, slancio. Pedalavo con il sorriso stampato sulla bocca. Uno dei tratti più entusiasmanti del viaggio. Alla dogana mi è stato raccomandato di non andare a caccia di marmotte per via della peste, una veloce compilazione della carta d’ingresso, un controllo, due-tre domande sul trasporto di armi e droga e via! Libera di andare. Ero davvero in Russia [Qui].

Le prime impressioni del nuovo Paese?

Intorno a me vedevo le Altai Mountains innevate, i ghiacciai in lontananza, e avevo l’impressione di un’aria diversa, anche se il vento mongolo soffiava anche là. Ho fatto la prima doccia decente, calda e abbondante dai tempi di Ulaan-Baatar, nella prima casa che mi ha ospitato, non la scorderò mai. Mi ero sempre lavata a pezzi nei torrenti o come potevo, e quel momento a Kosh-Agach segnava simbolicamente la mia nuova ripartenza. Ricominciavo da una doccia! Nel corso del viaggio ho avuto anche il piacere di usare la banya, la loro tipica sauna, il paradiso. Il fuso orario era cambiato, ma mi sono accorta che non importava: ormai mi regolavo con la posizione del sole e con la luce per scansionare il giorno e la notte. Come cambia la percezione del tempo in quelle condizioni! Ricordo che ho esultato nel vedere scaffali pieni di alimenti in un supermercato e ho riempito il carrello di mandorle, caviale finto fatto di alghe, formaggio, frutta fresca e una nuova sim card. Avevo la netta sensazione di essere ripartita col piede giusto, fiduciosa, abbandonando ogni riluttanza nell’attraversare quel tratto obbligatorio per arrivare in Kazakistan.

Com’è cambiato il viaggio, rispetto la tratta in Mongolia?

Strade scorrevoli, poco traffico e panorami mozzafiato. Villaggi rurali non contaminati dalla modernità dove vedevi babushke, nonnine incurvate dal tempo, col fazzoletto in testa, sedute sull’uscio delle porte, bambini che correvano di qua e di là e facevano il bagno nei fiumi. Ci sono tratti con corsi d’acqua impetuosi, passi di montagna, sorgenti, prati punteggiati di fiori colorati che mi ricordano le mie Dolomiti. Mi ero lasciata definitivamente alle spalle un ambiente duro e impegnativo fino allo stremo, per ritrovarmi in un’oasi di tranquillità, che dava benessere e sicurezza interiore.

Che incontri hai fatto e cosa ti hanno lasciato?

La mia prima ospitante era una russa dai capelli rossi e gli occhi a mandorla, i tratti del popolo mongolo: zone di frontiera, dove la mescolanza di razze è evidente. Confezionava a uncinetto centrini fatti di striscioline di plastica. Poi c’è Paul, un poliziotto inglese cicloviaggiatore con il quale ci siamo scambiati consigli utili. Synaru, neomamma trentenne che ha studiato negli Usa, mi ha permesso di piantare la tenda nel suo giardino e di lei ricordo la gentilezza, l’atmosfera della sua banya con luce bassa, vapori, saponi e scrub naturali, la marmellata di rabarbaro, la zuppa di capra affumicata, l’amore per la casa. Sergey e Lilyana mi hanno fatto da accompagnatori nella loro cittadina turistica di Belokuricha, ospitandomi e coccolandomi nella loro abitazione, lo stesso trattamento amorevole che mi hanno riservato Zoya e Alexander. Ricordo ancora l’istinto materno di Zoya e la sua zuppa di cavallo in scatola: niente male. E Poi ancora Tania, con il suo largo e sincero sorriso quasi privo di dentatura e di quella che rimane, due denti d’oro. E poi molti altri incontri. Mi hanno lasciato tutti un grande senso di calore umano, fatto di gesti premurosi e sensazione di essere accettata apertamente, senza riserve.

C’è qualche episodio curioso e divertente che ricordi?

Ci sono diversi momenti che ricordo con un sorriso. Ricordo la curiosità che ho suscitato quando ho piantato la tenda in una spiaggetta sul fiume. Si sono avvicinati due pescatori, padre e figlio, che si sono rivelati poi due gioiellieri armeni, offrendomi parte del pescato. Nello stesso frangente, è arrivata una donna che, qualificandosi giornalista e con l’aiuto della figlia Tatiana che conosceva l’inglese, mi ha posto numerose domande. Mi hanno offerto verdure del loro orto, una crema all’aloe per le scottature, pastiglie per il mal di testa, assorbenti, salviette umidificate. Pochi giorni dopo mi è stata spedita la foto dell’intervista, pubblicata su un giornale locale. Ho incontrato gente generosa e dignitosa, come l’intera famigliola che mi ha svegliata nel cuore della notte per offrirmi di dormire nella loro casa. Per poi farmi avere la mattina per colazione del gulasch caldo e carne in scatola, yogurt, bibite fresche, biscotti e un selfie tutti insieme.

Cosa ti ha lasciato la traversata del territorio russo?

Pedalate distese e leggerezza interiore. Pensavo che il popolo russo fosse austero, scontroso e rude, immaginavo di dover affrontare solo freddo, montagne, salite e valichi, strade accidentate e impervie. Invece non ho mai provato così tanto piacere nell’essere contraddetta da ciò che ho trovato. In Siberia ho trovato posti da sogno in cui campeggiare, famiglie che mi hanno accolta come una figlia. Ho scoperto che a volte la connessione tra le persone è qualcosa di fortissimo: ci si incontra e si stabiliscono legami incredibili. Ho incontrato gente dal cuore immenso, un piacevole clima, una montagna amica e affrontabile e strade scorrevoli. Ho scoperto la gratuità con cui venivo avvicinata per conoscermi, offrirmi ciò che avevano a disposizione, cibo, bevande e perfino qualche banconota (!), in un’epoca in cui il concetto della gratuità è in fase di estinzione.

Come hai trascorso gli ultimi chilometri prima del confine kazako?

Ho incontrato una famiglia che ha accostato la macchina; l’uomo ha fatto scivolare nella mia mano dei soldi e lo stesso ha fatto la moglie. Mi hanno parlato in russo e le loro parole avevano il tono di augurio e raccomandazione, anche se il significato delle parole mi rimarrà sempre oscuro. Mikhailovka è stata l’ultima cittadina prima del confine. 80 km di vento contrario e una serie di salite prima dell’arrivo. Ho pernottato là, presso una signora, e il giorno dopo via! Al confine mi scendevano le lacrime dalla commozione, che non nascondevo nemmeno davanti all’ufficiale che mi stampava il visto di uscita. La Russia mi ha cullata, ha curato le mie ferite, mi ha confortata e rassicurata. Ho continuato senza voltarmi verso la nuova meta, il Kazakistan.

Segui tutti i lunedì su Ferraraitalia le interviste a Valentina Brunet, rilasciate durante l’intero percorso.
Leggi tutte le puntate precedenti nella rubrica Suole di vento



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Liliana Cerqueni

Autrice, giornalista pubblicista, laureata in Lingue e Letterature straniere presso l’Università di Lingue e Comunicazione IULM di Milano. E’ nata nel cuore delle Dolomiti, a Primiero San Martino di Castrozza (Trento), dove vive e dove ha insegnato tedesco e inglese. Ha una figlia, Daniela, il suo “tutto”. Ha pubblicato “Storie di vita e di carcere” (2014) e “Istantanee di fuga” (2015) con Sensibili alle Foglie e collabora con diverse testate. Appassionata di cinema, lettura, fotografia e … Coldplay, pratica nordic walking, una discreta arte culinaria e la scrittura a un nuovo romanzo che uscirà nel… (?).
Liliana Cerqueni

Ti potrebbe interessare:

  • Vecchi, ricchi, “condizionati” … e una gran paura della morte:
    cronaca di un dialogo impossibile

  • La tirannia del tempo
    …un racconto

  • SENZA UN’IDEOLOGIA IL PD HA PERSO LA SUA IDENTITÀ.
    Corre verso il Centro e non convince gli italiani.

  • LO STESSO GIORNO
    Quando i poveri eravamo noi: non dimenticare Marcinelle

  • Diario di un agosto popolare
    7. LA BOLLA SVEDESE

  • LA SALUTE DEL NOSTRO MARE
    Goletta verde è arrivata a Porto Garibaldi

  • VERTENZA EX GKN:
    tavolo istituzionale a un’impasse

  • Diario di un agosto popolare
    6. FINCHÉ C’É LA SALUTE

  • mare

    Per certi versi
    La vita è come il mare

  • frammenti terracotta tegole

    ERNESTO BALDUCCI: UNA TESTIMONIANZA
    “Guardare con speranza ai segni del tempo”

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi