6 Dicembre 2021

IL VIAGGIO DI VALENTINA (5)
In Kazakistan e Kirghizistan

Liliana Cerqueni

Tempo di lettura: 7 minuti

 

Il viaggio di Valentina Brunet in sella alla sua bicicletta prosegue in Kazakistan e successivamente in Kirghizistan.
Com’è stato il tuo arrivo in Kazakistan?

Ho iniziato a pedalare in terra kazaka [Qui] concentrandomi per aprire la mia mente ad una nuova cultura. Ben presto sono stata invitata un po’ ovunque per un tè con pane e burro, marmellata e frittelle. Anche in questo nuovo Paese non è mancata l’ospitalità, molto gradita in particolare quella nelle abitazioni, data la presenza di zone steppose con cespugli pungenti e serpenti, un po’ pericoloso per piantare tenda. Nella guess house di Svetlana ho condiviso perfino la camera con uno dei minatori, clienti dell’hotel, approfittando di comune accordo del suo turno di notte. La difficoltà è stata il vento caldo contrario che rendeva arduo il procedere. Le strade sono pianeggianti e non molto trafficate per fortuna.

Come descriveresti il popolo kazako come cultura e indole?

Ho trovato questo popolo molto ospitale e in tantissimi si sono fermati a fare due chiacchiere per strada, qualcuno mi affiancava in macchina o mi rincorreva porgendomi una bottiglia di acqua fresca. Quando ho avuto bisogno di aiuto per rinforzare un copertone, si è mobilitato un intero paese. Ben presto attorno a me c’era una moltitudine di persone curiose che mi facevano mille domande. Una donna mi ha regalato un foulard e un sacchetto di kurd, uno snack tipico fatto di latte fermentato ed essicato. Il meccanico non ha voluto essere pagato per la riparazione. E per concludere in bellezza, sono stata invitata a casa da un poliziotto e la sua famiglia, dove ho festeggiato il mio 33esimo compleanno. Mi son trovata diverse volte a spiegare che a quest’età sono ancora single per scelta e sono felice così. Voglio vedere il mondo. Mettere su famiglia non rientra tra le mie priorità. Credo non sia facile da capire in questi Paesi dove una ragazza cresce con l’unica idea di doversi sposare e avere figli. Si respira un forte attaccamento alle tradizioni che si scontra a volte con una spinta verso la modernità. Il 70% della popolazione è musulmana ed ho notato molta tolleranza nel consumo dell’alcool e molto rigore, invece, nei confronti della carne di maiale. Nella cultura musulmana l’ospite è un dono inviato da Dio, una benedizione per chi l’accoglierà.

Le difficoltà che hai incontrato?

Le noiose steppe senza fine non sono state senz’altro entusiasmanti senza contare il fatto che non era semplice trovare un buon punto per piantare la tenda. E a volte non era una garanzia nemmeno campeggiare in centro urbano, nel verde di qualche casa. Una volta mi sono ritrovata in un prato dove, in piena notte, la gente scesa da un pullman ha espletato i propri bisogni in una puzzolente buca del terreno, coperta da assi traballanti e altrettante che la chiudevano alla vista. Durante la giornata il sole picchiava forte fino a ustionare la pelle nel mese più caldo dell’anno. Moldir, che avevo conosciuto quel giorno, mossa a compassione, mi ha invitata a pernottare in casa. Giornate torride al limite della tollerabilità, il pericolo dei serpenti in tenda, le molestie di un individuo che, minacciato di una chiamata alla polizia (non avrei saputo che numero chiamare…!), si è limitato a chiedere dei soldi. Rifiutati anche quelli. Mettiamoci anche uno sfratto in piena notte da parte di un tizio su un trattore che voleva campeggiassi da un’altra parte! Anatoli, un camionista che aveva accostato, si è fatto raccontare la mia storia davanti alla cena che offriva, rimanendo impressionato da questa mia vita errante che per me era diventata normale.

Come hai trascorso l’ultimo periodo in Kazakistan?

Ho trovato altri cicloviaggiatori a cui unirmi, Simon e Dominik. Abbiamo viaggiato tranquillamente a 20 km/h in una zona che sembrava la Rimini kazaka, tra spiagge affollate, chioschetti, venditori. Solo che non c’è il mare ma solo un bacino artificiale d’acqua, uno dei più importanti dell’Asia Centrale. Ero felice di non aver ceduto alla tentazione di concludere il mio viaggio dopo le esperienze terrificanti della Mongolia e di aver proseguito stringendo i denti. Ci siamo fermati una settimana a riposare, ottimizzare le attrezzature da viaggio e procurare i visti per il Kirghizistan [Qui].

Cosa succede in Kirghizistan? Ormai a questo punto eri diventata una viaggiatrice esperta…

Ero molto preoccupata perché stavo per affrontare il tratto più impegnativo del mio viaggio, la Pamir Highway, ad altitudini mai provate, ma per fortuna c’erano Dominik e Simon. Mi sono trovata in difficoltà quasi subito, con una gomma a terra e la sacca dell’acqua che perdeva. Risolti i problemi è tornato l’ottimismo e la carica. Abbiamo pedalato oltre 1600 m di dislivello, dagli 800 ai 3180. La fatica veniva ricompensata dal paesaggio mozzafiato: pareti verticali, canyon, tornanti. A tratti ero stremata per la fatica della salita sul sellino di una bici stracarica. C’era anche un tunnel di 4 km da percorrere tra il fumo degli scarichi, senza ventilazione. Dicono che è un suicidio per un ciclista, infatti raccontano che qualche ciclista sia morto. All’interno, macchine ferme col motore acceso ad aspettare il turno di passaggio del senso unico. Nella discesa che ci aspettava Dominik e Simon hanno subìto un’aggressione da parte degli occupanti di un’auto in corsa che hanno aperto la portiera nel tentativo di farli cadere, episodio al quale è seguita una scazzottata. E finisce in quei giorni il mio viaggio in compagnia dei due ragazzi: ritmi, visti e budget diversi lo richiedevano. Ero di nuovo sola.

Come prosegue il tuo viaggio in solitaria?

Le rocce erano diventate rosse e il panorama era cambiato. Finalmente corsi d’acqua e piccoli agglomerati urbani ma anche altri tunnel che facevano accrescere l’ansia e la fretta di arrivare all’uscita. Le temperature erano alte e procedevo costeggiando il filo spinato che separava dall’Uzbekistan, Paese che, mi avevano spiegato, apre e chiude le frontiere arbitrariamente, per motivi incomprensibili. Ho fatto molti incontri: l’italiano Manuele, Greta e Michael, Alessandra e Urbo, Hugo, Harry, e molti altri. Con alcuni mi sono accompagnata in tratti di viaggio. Ho conosciuto anche una nonnina che mi ha messa all’ingrasso con il lagman, una specie di zuppa di pasta al sugo esortandomi ad abbuffarmi.

Cosa ti rimane di questa attraversata?

Le salite, tornante dopo tornante, il vento contrario, i ruscelli e le discese liberatorie, l’apnea per mancanza di ossigeno a 4336 m sul Kyzil Art Pass  – alcune alture arrivano ai 7000 m – e il freddo delle sommità dei monti, rispetto al caldo estivo delle pianure.  Ricordo il momento dei saluti con gli amici incontrati davanti a strade diverse da intraprendere. Ultimo flash, l’edificio fatiscente della dogana, prima della terra di nessuno, la no man’s land  brulla, grigia e desolante. Stavo già pensando al Tagikistan…

Segui tutti i lunedì su Ferraraitalia le interviste a Valentina Brunet, rilasciate durante l’intero percorso.
Leggi tutte le puntate precedenti nella rubrica Suole di vento



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Liliana Cerqueni

Autrice, giornalista pubblicista, laureata in Lingue e Letterature straniere presso l’Università di Lingue e Comunicazione IULM di Milano. E’ nata nel cuore delle Dolomiti, a Primiero San Martino di Castrozza (Trento), dove vive e dove ha insegnato tedesco e inglese. Ha una figlia, Daniela, il suo “tutto”. Ha pubblicato “Storie di vita e di carcere” (2014) e “Istantanee di fuga” (2015) con Sensibili alle Foglie e collabora con diverse testate. Appassionata di cinema, lettura, fotografia e … Coldplay, pratica nordic walking, una discreta arte culinaria e la scrittura a un nuovo romanzo che uscirà nel… (?).
Liliana Cerqueni

Ti potrebbe interessare:

  • Un’analisi del voto: Meloni, Conte, Schlein e il problema della rappresentanza

  • Per Mahsa Amini e per sostenere la rivolta del popolo iraniano:
    Ferrara, piazza Trento Trieste: 28 settembre ore 17,30

  • Elezioni: “Tutti noi ce la prendiamo con la storia ma io dico che la colpa è nostra”

  • 2 ottobre, Elezioni in Brasile: 182 indigeni si presentano come candidati

  • ACCORDI /
    Spaghetti al pomodoro

  • IL PREMIO ESTENSE VISTO DA DENTRO
    Mario Breda vince la 58° edizione. Premio Granzotto a Giovanna Botteri

  • ANALISI DISANALITICA DEL VOTO
    Teniamoci per mano in questi giorni tristi

  • Colloqui di Dobbiaco 2022
    Etica Animale e Cambiamenti Climatici nel piatto

  • 27 settembre, ore 19,30: Il giallista ferrarese Marco Belli al Centro Sociale La Resistenza

  • “L’ambientalismo senza lotta di classe è giardinaggio”:
    la nuova dimensione conflittuale dei Fridays For Future

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi