Tempo di lettura: < 1 minuto

50 anni fa una bomba esplose. 50 anni fa si rischiò la legge marziale. 50 anni fa iniziarono gli anni di piombo. 50 anni fa un anarchico venne arrestato. 50 anni fa una porta si aprì e qualcuno lo fece volare giù. 50 anni fa i depistaggi, le false accuse, le parole non dette e quelle celate. Oggi, 50 anni dopo, Pinelli riposa senza che si sappia chi decise di farlo volare giù. 50 anni senza verità. Mezzo secolo. Una vita…come quella che gli tolsero.

“Quella sera a Milano era caldo.
Ma che caldo che caldo faceva.
“Brigadiere apra un po’ la finestra.
E ad un tratto Pinelli cascò.”

Da “La ballata di Pinelli”, autori vari.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Morti di fame e di (in)giustizia
Malatesta
ALLA FINE, QUALE DEMOCRAZIA RIMARRA’?
Due virus e due emergenze a confronto: Covid-19 e Terrorismo
La visione collaterale

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi