COMUNICATI STAMPA

Immagina di svegliarti all’alba e di non sapere che fare del resto della tua vita.
Immagina di sentire il respiro calmo di tua moglie che dorme.
Immagina di fare piano e vestirti per uscire col tuo cane a fare un giro nel parco.
Immagina che il vento ti frusta la faccia e un cielo grigio non promette nulla di buono.
Immagina che metti le cuffie e scegli a caso una canzone.
Immagina che quella canzone ti scalda il cuore mentre il mondo intorno è freddo e ostile.
Immagina che inizi a piangere anche se ti vergogni un po’ e non riesci a smettere di riascoltarla.
Contro il vento, contro la pioggia, contro le incertezze della vita…
E il tuo cane che ti guarda e ti segue dappertutto senza chiedersi perché.
Perché odiare? Perché maltrattare? Perché uccidere?
Il tuo cane non lo sa, e nemmeno tu in fondo.
Eppure succede, eccome se succede… e tu piangi per una canzone.
Immagina che torni a casa e vedi tua moglie e senza dirle nulla l’abbracci e la baci.
Immagina che lei ti guarda e non capisce, ma ti ama e questo è l’importante.

John, ti ringrazio per avermi regalato questa poesia, come potrò mai sdebitarmi?”
Carlo, figurati, ho avuto solo fortuna… l’ho scritta di getto e non avevo la minima idea di cosa avevo appena combinato!”
Un capolavoro, John…”
L’hanno detto in molti, e questo mi fa piacere… Purtroppo però, il mondo non le ascolta le canzoni…”
Purtroppo…”

Un uomo può morire e lasciare questo mondo. Una poesia no.
Caro Mark David Chapman, la tua follia ha ucciso un uomo. Ma né tu né questo folle mondo potrete mai uccidere nessuna canzone e nessuna poesia. Esse vivranno per sempre e sopravviveranno a tutti i carnefici.
Per il bene di tutti noi, nonostante tutti noi.

Imagine (John Lennon, 1971)

Illustrazione di copertina di Carlo Tassi
(Riprende, reinterpretandola, la famosa e discussa foto scattata da Yoko Ono davanti alla finestra dell’appartamento di New York all’indomani della morte di John. Nella foto, gli occhiali che indossava quando venne assassinato. Vedi foto)

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Regressione e inciviltà
PER CERTI VERSI
Apriti cielo
Maub, i transistors e una rossa infame
PER CERTI VERSI
Vecchi ricordi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi