Home > IMMAGINARIO - La foto della settimana > IMMAGINARIO
Pagine di medici e cittadini ferraresi nelle Grandi guerre.
La foto di oggi…

IMMAGINARIO
Pagine di medici e cittadini ferraresi nelle Grandi guerre.
La foto di oggi…

casorati-attesa
Tempo di lettura: 2 minuti

La freschezza di un fiore, la fiamma di una candela e pagine di vita per commemorare i caduti delle guerre…

Mercoledì 4 novembre alle 16.30 a Palazzo Roverella (corso Giovecca, 47) avrà luogo la presentazione in anteprima nazionale del nuovo libro dell’Associazione De Humanitate Sanctae Annae dal titolo “Il silenzio e la cura. Vite di medici e cittadini ferraresi nelle Grandi Guerre del Novecento“.

Pagine preziose che narrano di Ferrara, dei nostri nonni, dei nostri padri e della costruzione di una nazione, l’Italia, con la sua fragilità e con le sue ambizioni: un cantiere immenso e ribollente, in cui accorrono a lavorare medici e crocerossine, ingegneri e soldati, muratori e carpentieri, aviatori e marinai, contadini divenuti scalatori e ufficiali, prigionieri e carcerieri, politici e profeti, operaie e maestre d’infanzia, sacerdoti e peccatori, poeti e sentinelle insonni, nobildonne e madri in dolente attesa, artisti e inventori geniali. Storie sepolte, personaggi affascinanti dalla “città pentagona”: da Audrey Collett Delfini che a Sabbioncello San Vittore salvò intere famiglie dai rastrellamenti della Wehrmacht, all’avvocato Ivo Pesaro caduto in battaglia da eroe il 27 maggio 1917; dal nostro concittadino Antonio Sturla, cinereporter di guerra, a Guido Aronne Mendes, un ebreo in grigioverde; dalla lotta alla tubercolosi del dottor Armando Ciaccia tra le due guerre, fino ai toccanti ricordi del dottor Carlo Alberto Alvisi (tra cui un’inedita testimonianza sulla “lunga notte del ‘43”).
La presentazione de Il silenzio e la cura verrà accompagnata dalle musiche d’organo di J. S. Bach (a cura del Maestro Luigi Locatelli) e dai canti più noti composti dai soldati italiani in guerra (a cura dell’Accademia Corale Vittore Veneziani, diretta dal Maestro Maria Elena Mazzella).

L’opera di valore e complessità eccezionali, è l’unica pubblicazione ferrarese rientrante nel programma ufficiale delle commemorazioni del Centenario della prima Guerra mondiale a cura della Presidenza del consiglio dei ministri: 440 pagine, 36 autori, 43 contributi, 64 immagini rare o inedite, 19 patrocinatori tra i quali il Comune di Ferrara, l’Università degli studi di Ferrara e il Circolo dei negozianti-Roverella.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
“Il silenzio alla fine” il nuovo romanzo di Pietro Leveratto
Oggi alle ore 18,30 l’autore in diretta sulla pagina Fb di Ferraraitalia
Le canaglie di Angelo Carotenuto
Una squadra di calcio, immagini e persone nella Roma anni Settanta
PRISMA
Storia di libri, librai e investigatori nell’ultimo romanzo di Gianluca Morozzi
Il caso singolare di Gian Pietro Testa e del suo nuovo libro

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi