Home > IMMAGINARIO - La foto della settimana > IMMAGINARIO
Uomo raro.
La foto di oggi…
gam-torino
Tempo di lettura: 2 minuti

Oggi è il compleanno dell’architetto, urbanista e scrittore Carlo Bassi, che compie 92 anni.
Nato a Ferrara, vive a Milano, dove ha lavorato a lungo in collaborazione con l’architetto Goffredo Boschetti.

Le sue opere più importanti sono la Galleria civica d’arte moderna e contemporanea di Torino (nella foto) costruita negli anni 1951-1959, dopo un concorso nazionale vinto, e l’istituto medico “Sante Zennaro” a Imola, complesso sanitario e scolastico ora adibito a struttura di supporto alle attività culturali e logistiche della città costruito per la provincia di Bologna dopo un concorso vinto nel 1963.

A Ferrara, l’ultima opera di Carlo Bassi è la chiesa dedicata al beato Giovanni Tavelli da Tossignano a Villa Fulvia, dove i supporti teologici sono ispirati alle chiese orientali (la pianta a croce greca e la cupola con colorazioni esterne la cui ispirazione è giottesca).
A Ferrara è anche dedicata gran parte della sua produzione letteraria. “Nuova Guida di Ferrara”, il celebre “Perché Ferrara è bella”, “Ferrara, lessico di architettura” tutti di edizione Corbo. Fino all’ultimo recentemente presentato alla Biblioteca Ariostea, “Ferrara rara”, una serie di percorsi che ne mettono in risalto le addizioni urbanistiche cui è’ legata l’unicità della città.

Nel filmato, l’intervista di Dalia Bighinati di Telestense, realizzata nella casa milanese di Bassi, in occasione del suo novantesimo compleanno, poco prima della scomparsa dell’amata moglie Paola.

OGGI – IMMAGINARIO PERSONAGGI

Ogni giorno immagini rappresentative di Ferrara in tutti i suoi molteplici aspetti, in tutte le sue varie sfaccettature. Foto o video di vita quotidiana, di ordinaria e straordinaria umanità, che raccontano la città, i suoi abitanti, le sue vicende, il paesaggio, la natura…

[clic sulla foto per ingrandirla]

gam-torino

Commenta

Ti potrebbe interessare:
PRESTO DI MATTINA
Si sta come coppi sui tetti
IL SORRISO AI TEMPI DEL COLERA
Biblioteca Rodari: chiusa per sopravvenuta influenza
(dell’incerto futuro delle bibloteche ferraresi)
Come rendere un’abbazia la prima d’Italia (e farla rimanere tale per otto secoli)

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi