COMUNICATI STAMPA
Home > INTERVENTI > Immigrazione: Emmaus condanna l’Europa, criminale recidiva

Immigrazione: Emmaus condanna l’Europa, criminale recidiva

Tempo di lettura: 3 minuti

da: ufficio stampa Emmaus

Emmaus Italia, Emmaus Europa e Emmaus Internazionale esprimono di nuovo indignazione e collera dopo l’ultima tragedia al largo dell’isola di Lampedusa.

Esattamente un mese fa, tutti i rappresentanti di Emmaus Europa erano riuniti a Lampedusa per chiedere ai responsabili politici di porre fine a una situazione drammatica e vergognosa che dura da troppo tempo: la scomparsa ricorrente di centinaia di vite umane, di persone in carne e ossa che muoiono spesso senza identità e senza alternativa è per noi insopportabile. Il cimitero e il Museo delle Migrazioni di Lampedusa, luoghi simbolici di vite perdute, ci hanno fatto prendere coscienza dell’orrore di una morte silenziosa. Si tratta di bambini, donne e uomini, non di cifre. Una tragedia e un crimine si svolgono sotto gli occhi indifferenti di chi ha la responsabilità politica e morale di morti innocenti ma se ne lava le mani.

Come a Ceuta e Melilla, oppure sul fiume Evron e su tanti altri confini, Lampedusa si è trasformata in fortezza dove la morte dà appuntamento. «Vite a perdere» come ha detto con amarezza il sindaco di Lampedusa Giusi Nicolini. All’origine di questi viaggi della speranza e della disperazione ci sono guerre e ingiustizie dimenticate, cause contro le quali niente di serio viene fatto.

Le lacrime di coccodrillo, le promesse di aiuto, i discorsi di sostegno e la compassione facile sono un’offesa alla memoria di chi è scomparso. E’ ora di agire immediatamente per porre fine alla morte programmata e per fare in modo che ognuno abbia la possibilità di vedere rispettati i propri diritti e la propria dignità umana.

Chiediamo con forza, insieme ad altre organizzazioni italiane ed europee, l’apertura urgente di corridoi umanitari e dichiariamo la nostra disponibilità a collaborare alla realizzazione di un piano d’azione che possa essere efficace.

Esigiamo un cambio di rotta radicale nella politica migratoria dell’Unione Europea. Le prossime scadenze europee (elezioni e semestre di presidenza italiana dell’UE) saranno, insieme alle agende dei diversi governi nazionali, momenti di verifica della volontà di cambiare per fermare lo stillicidio di morte innocenti di cui le istituzioni e la politica sono i principali responsabili.

Chiediamo all’opinione pubblica di prendere posizione senza ambiguità per la vita e di fare pressione con ogni mezzo per costringere le autorità politiche ad agire.

Il tempo della compassione e delle condoglianze formali è finito. E’ ora di venirne ai fatti, ad un’azione concreta, urgente ed efficace per il cambiamento e la giustizia!

Renzo Fior e Franco Monnicchi – Emmaus Italia
Julio De La Granja – Emmaus Europa
Jean Rousseau – Emmaus Internazionale

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi